IN VIRGILIO

I voti di mercato: Juventus regina d'inverno, Milan ancora più solido, Inter da verificare

Il pagellone del calciomercato di Virgilio

Andata in archivio la sessione di calciomercato invernale è giunto il momento di dare un voto all'operato dei direttori sportivi della nostra Serie A.
 
JUVENTUS 7,5. Indubbiamente la squadra che ha rispettato maggiormente programma e strategie. Serviva almeno una pedina per reparto per "puntellare" una rosa già competitiva, senza sconvolgerne gli equilibri: sono arrivati un difensore (Caceres), un centrocampista (Padoin) e due attaccanti (Borriello e Bouy). Saggia la decisione di mollare il colpo su Nainggolan, al momento troppo costoso. Ottima anche la risoluzione dei tanti esuberi; resta ora da gestire la questione Krasic.
 
MILAN 7. Si sperava in Tevez ed è arrivato Roggia. Alla fine però il campionato darà ragione a Galliani ancora una volta. Perchè Mesbah restituirà vitalità a una fascia sinistra troppe volte abulica, e in mezzo al campo Muntari e Merkel offriranno sostanza in un reparto in là con l'età e bisognoso di nuova linfa. Maxi Lopez in avanti rappresenta il partner ideale per Ibrahimovic, e rispetto a Tevez ha quattro vantaggi: conosce il campionato italiano, può giocare in Champions, non è fermo ai box da mesi e soprattutto non è costato una fortuna.
 
INTER 6,5. A lasciare perplessi non sono tanto i nomi approdati in nerazzurro, quanto semmai, la scarsa sinergia tra allenatore e dirigenza. Ranieri aveva chiesto di non cedere Thiago Motta ma Moratti non ha resistito all'offerta parigina. Pur da verificare visto il lungo stop, Guarin rappresenta un bel colpo in un centrocampo mai come in questo momento bisognoso di corsa e muscoli, mentre l'esperienza di Palombo tornerà utile. Coerente e azzeccata diventa la scelta di tenere Sneider, con i nuovi acquisti che sembrano presi apposta per poter tornare a esplorare il 4-3-1-2.
 
LAZIO 6. Come spesso eravamo stati abituati in passato, più fumo che arrosto. Attivissima soprattutto sul fronte cessioni (via Stendardo, Sculli, Cissè, Del Nero, Carrizo, Cavanda, Ceccarelli e Pagni), la Lazio si è però assicurata Antonio Candreva, prelevato dal Cesena per consegnare a Klose un partner ideale. Scommessa tutta da scoprire la punta uruguaiana Alfaro.
 
ROMA 6. Mercato di scommesse, che diventa sensato se in panchina c'è uno come Luis Enrique. Marquinho rimane un giocatore tutto da scoprire, stesso discorso per Lopez del Nacional di Montevideo. Tra i partenti, la Roma potrebbe trovarsi a rimpiangere Pizarro (Manchester City), anche se il cileno non è mai parso entrare nei piani del tecnico ex Barcellona.
 
UDINESE 6. Il solito acume e l'ormai celebrata ponderazione della dirigenza Udinese hanno consegnato a Guidolin niente più di quello che serviva. L'acquisto di Pazienza dalla Juventus consentirà ad Armero di tirare il fiato in mezzo al campo senza perdere troppa qualità e quantità.
 
FIORENTINA 7. L'acquisto di Amauri segnerà in ogni caso lo spartiacque della stagione viola. Il desiderio di riscatto dell'ex Juventus però alla lunga peserà e già l'impatto nella prima uscita è stato positivo. Tecnica e ritmo da Ruben Olivera, che vivacizzerà il centrocampo di Delio Rossi. Giusto cedere il demotivato Gilardino.
 
GENOA 7. Regina di mercato che non ti aspetti. Preziosi ha di fatto rifondato la squadra (allenatore compreso), e l'arrivo di un giocatore bisognoso di una nuova piazza per rilanciarsi come Gilardino rappresenta il colpo da 90. Ottima anche la scelta di Biondini e il ritorno in patria di Sculli. Il vero colpo potrebbe però essere quello che arriverà a luglio: Ciro Immobile è un talento pronto a prendersi il proscenio in Serie A.
 
ATALANTA 5,5. Impossibile dare la sufficienza se non si sostituisce all'altezza un perno della squadra come Padoin. Pierpaolo Marino ci ha provato con Cazzola della Juve Stabia e Carrozza del Varese. Difficilmente però le equazioni 2X1 hanno dimostrato di funzionare. Buona scelta quella di un giocatore d'esperienza come Stendardo per la difesa.
 
BOLOGNA 6,5. L'arrivo di Sorensen in difesa permetterà a Pioli di avere a disposizione un'alternativa eclettica, mentre il ritorno di Rubin dal Parma aumenterà l'abbondanza nel reparto arretrato. Per il resto tanti nomi di sostanza più che di qualità.
 
CAGLIARI 6,5. Cellino si è concentrato sui problemi, ovvero la sterilità offensiva. L'approdo in terra sarda di Pinilla sembra proprio il colpo giusto in questo senso. Il vero colpo però, inutile dirlo, è la conferma di Nainggolan, che non costringerà Ballardini a fare a meno del faro in fase di costruzione di gioco.
 
NAPOLI 6. L'arrivo di Vargas è indubbiamente la scommessa più stuzzicante di questo mercato invernale. A Mazzarri il difficile compito di inserirlo in un sistema e in un calcio a lui del tutto sconosciuto. Se così accadesse il Napoli si gioverebbe di avere un'alternativa di fantasia in più a colmare le eventuali pause di Hamsik e Lavezzi.
 
NOVARA 6. Tavola completamente apparecchiata per la svolta. L'esonero di Tesser e l'arrivo di Mondonico dovrebbero dare la sospirata scossa alla squadra. In attacco Caracciolo e Mascara sono in grado di garantire da soli gol pesanti per rilanciarsi in chiave salvezza, anche perchè Rigoni da trequartista avrà finalmente qualcuno da innescare.
 
CATANIA 6,5. Acquisti vari e di qualità. Motta dalla Juventus potrebbe trovare con Montella la propria dimensione dopo le stagioni da dimenticare in bianconero. Interessante sarà vedere l'impatto di Ebagua con la Serie A: fisico e tecnica non mancano di certo.
 
CESENA 6. Ha tenuto Parolo, e questo è già un punto a favore. Ha però perso Candreva, fondamentale per dare vivacità a un attacco mai troppo in palla. Santana e Iaquinta dovrebbero però garantire un salto di qualità e soprattutto qualche gol in più.
 
CHIEVO 6. Mercato solo in entrata per il Chievo di Di Carlo, che con l'arrivo di Dainelli avrà un nuovo perno della difesa, attorno al quale ruoteranno a turno Andreolli e Cesar.
 
LECCE 6. Bojinov e Blasi possono dare una scossa: il primo cerca riscatto dopo la deludente parentesi allo Sporting Lisbona, il secondo porterà interdizione in un centrocampo che con Delvecchio acquisterà grande solidità. Pesantissime tuttavia le perdite di Mesbah, Strasser e Olivera.
 
PALERMO 6. Tanti nomi per il Palermo di Zamparini, anche se il colpo principale è sicuramente il portiere Viviano. L'acquisto di Donati per il centrocampo offrirà a Mutti un'alternativa di qualità, in attesa di recuperare tutti gli infortunati.
 
PARMA 6,5. Società a completo servizio del proprio allenatore. Jonathan, Mariga e Okaka sono quanto chiesto da Donadoni, che ora avrà un unico compito: fare funzionare la squadra.
 
SIENA 5,5. Il mercato sottotraccia e senza grossi colpi restituirà a Sannino una squadra pressochè immutata, con il solo acquisto di Bogdani che potrebbe cambiare lo scenario offensivo dei toscani.
 
 
Pubblicato il 01/02/12 in Calciomercato| TAGS: calciomercato, pagelle, milan, juventus, inter
PadoinVAI ALLE FOTOGALLERY Fonte: LaPresse
CERCA IN SPORT
VIDEOSport
Caricamento video in corso...
  • Riscritte a Bergamo le leggi della…25 punti | 33 voti | postato da Aquila1769
  • Come i tifosi tedeschi predono in giro…39 punti | 39 voti | postato da Blogm
  • Bella gara di endurance domenica scorsa…4 punti | 4 voti | postato da sportapp
  • Quando eravamo Re: 1974, la vittoria di…1 punti | 3 voti | postato da moods
 RSS

Trova nella tua città

PromozioniGUARDA TUTTE »

Categorie consigliateGUARDA TUTTE »