IN VIRGILIO

Ranieri: "L'Inter è il faro del calcio italiano. Addio alla Juve? Non scendo mai a compromessi"

Il tecnico nerazzurro ha presentato il derby d'Italia contro la Juventus.

"Dal punto di vista della classifica la partita è più importante per loro che per noi. Non partiamo come favoriti e mi dispiace perchè avrei voluto essere dall'altra parte", così il tecnico dell'Inter, Claudio Ranieri, in conferenza stampa.
 
"Rischiano più loro perchè perdendo vedono allontanarsi il Milan - ha aggiunto - ed hanno anche il timore, credo, che l'Inter possa essere la squadra che viola il loro stadio e gli fa perdere la prima partita". "Se giocare senza nulla da perdere ci fa sentire più leggeri? Me lo auguro - ha spiegato - siamo pronti ad affrontare questa Juve che sta facendo molto bene".

"Il nostro obiettivo? Pensiamo a fare bene domani sera che sia la scintilla giusta per fare un bel finale di campionato - ha spiegato Ranieri - dobbiamo essere professionisti. Siamo pagati fino all'ultimo giorno e quindi dobbiamo dare sempre il massimo", ha aggiunto. "Chi tirerà un eventuale rigore? Milito è il primo rigorista Pazzini è il secondo", ha concluso Ranieri.
 
Il tecnico testaccino si è quindi soffermato sui motivi che portarono alla fine del suo matrimonio con la Vecchia Signora: "Presi una squadra che veniva dalla serie B, una squadra senza tanti campioni, adesso sono passati 4 o 5 anni nei quali è cambiato tutto, si sta costruendo un nuovo progetto, è cambiata totalmente la filosofia e soprattutto il budget, che prima era molto stretto. Non faccio differenze sul peso specifico, c'era una risurrezione che doveva avvenire e credo che il lavoro sia stato fatto bene. Dispiaciuto per non aver continuato a Torino? Ognuno di noi ha un suo karma, una sua storia, io dove sono andato ho sempre ricostruito, ma a compromessi non scendo e posso sempre guardare tutti negli occhi. Si dovevano scegliere i giocatori in tre, nel momento in cui io sono stato escluso dalle decisioni, sono andato via", ha precisato Ranieri.
 
Ranieri ha invece glissato su una domanda relativa a Calciopoli: "Calciopoli è stato uno dei momenti peggiori del calcio italiano. Meno se ne parla meglio è. Mettiamolo da parte e non pensiamoci più".

Riguardo alla formazione che metterà in campo, Ranieri ha anticipato la prima convocazione di Fredy Guarin: "Vediamo oggi nella rifinitura ma il ragazzo si è mosso bene - ha spiegato - Alvarez? Ha avuto un risentimento al polpaccio quindi finchè il dottore non mi dice che si può allenare non posso prenderlo in considerazione". Infine sulla battuta sugli avversari? Chi toglierei alla Juve? Se metto Pirlo mi aggiusta qualche cosa".
 

Pubblicato il 24/03/12 in Calcio| TAGS: ranieri, juventus-inter, serie a, calciopoli
ranieriVAI ALLE FOTOGALLERY Fonte: LaPresse
CERCA IN SPORT
VIDEOSport
Caricamento video in corso...
  • Conte, altro colpo di scena? No al Psg…11 punti | 17 voti | postato da GiancarloGiornalista
  • Allegri alla Juventus? L'ha deciso Tevez21 punti | 31 voti | postato da tuttosulcalcio
  • Se Conte va al Psg allora tutto quadra16 punti | 20 voti | postato da Aquila1769
  • Perché Juventus e Roma non possono…19 punti | 23 voti | postato da T_S_N
 RSS

Trova nella tua città

PromozioniGUARDA TUTTE »

Categorie consigliateGUARDA TUTTE »