SPORT
  1. Home
  2. CALCIO
  3. SERIE A

Alla Juventus tira aria di esonero

Mentre Dybala e compagni si preparano per la ripresa del campionato, la società deve affrontare una crisi imprevista.

C’è una Juventus che vince, anzi che ha vissuto il miglior inizio di stagione della propria storia, in assoluto, con 14 vittorie su 16 gare ufficiali tra campionato e Champions League, e anche limitatamente alla Serie A, dove mai nessuna squadra aveva inanellato undici vittorie nelle prime dodici partite disputate. C’è, però, anche una Juventus che soffre e perde a ripetizione. Il riferimento è all’Under 23 allenata da Mauro Zironelli, che ha vissuto un impatto da dimenticare nella nuova avventura in Serie C, con sette sconfitte nelle prime dodici giornate.

Il progetto delle squadre B, voluto con insistenza proprio dalla Juventus, al momento l’unica a perseguirlo, sta incontrando difficoltà forse prevedibili visto che si è trattato di trapiantare buona parte della formazione Primavera in un campionato duro come quello della terza serie, pieno di giocatori d’esperienza, elemento di cui invece i ragazzi allenati da Zironelli sono quasi totalmente sprovvisti, eccezion fatta per i tre fuoriquota, comunque quasi mai disponibili a causa di infortuni o tesseramenti tardivi.

Così, nonostante la società faccia trapelare fiducia nei confronti dell’allenatore, circolano i primi nomi qualora si concretizzasse l’esonero. La gamma è ampia e comprende gli interni Francesco Pedone e Francesco Baldini, rispettivamente alla guida dell’Under 17 e dell’Under 19, ma anche un grande ex come Alessio Tacchinardi e un tecnico più esperto come Carmine Gautieri, rivale storico della Juventus in una partita contro la Roma del febbraio 1998, non dimenticata dai tifosi giallorossi per un celebre fallo in area di Deschamps sullo stesso attaccante esterno, non punito dall’arbitro con il calcio di rigore.

Si vedrà, intanto la Juve “senior” sta per riprendere la marcia in campionato ospitando la Spal. Le buone notizie per Allegri non sono mancate durante la pausa per le Nazionali, a partire dal rientro in gruppo di Emre Can, venti giorni dopo l’operazione alla tiroide: per il rientro in campo centrocampista tedesco però dovrebbe essere necessario ancora un altro mese. Dall’Argentina invece tornerà un Paulo Dybala caricato a mille dopo il primo gol con l’Argentina, segnato nell’amichevole contro il Messico.

“Mi sono tolto un peso” ha dichiarato il numero 10 bianconero, pronto a tornare a comporre l’attacco titolare con Mario Mandzukic e Cristiano Ronaldo, che durante la sosta si sono regolarmente allenati con i compagni: il croato ha infatti detto addio alla Nazionale dopo il Mondiale, mentre il portoghese è stato ancora escluso dai convocati del ct Santos.

SPORTAL.IT | 21-11-2018 12:35

Alla Juventus tira aria di esonero Fonte: Getty Images

SPORT TREND