Virgilio Sport

Barcellona, Setien non chiede scusa a Griezmann

L'attaccante francese trova spazio soltanto per un minuto contro l'Atlético: terza panchina in quattro gare. Simeone: "Sono senza parole".

01-07-2020 14:24

Barcellona, Setien non chiede scusa a Griezmann Fonte: Getty

Sono giorni complicati in casa Barcellona. La classifica non sorride più – il Real Madrid battendo il Getafe domani può andare a +4 – e la posizione di Quique Setién sembra sempre più in bilico. Il 2-2 interno contro l’Atlético Madrid, terzo pareggio nelle ultime 4, non ha aiutato. Tutt’altro: ha scatenato il caso Antoine Griezmann.

Il francese contro la sua ex squadra ha giocato soltanto un minuto nel finale, dopo i 9 con il Celta Vigo e gli 11 con il Sivigliia. Tre partita che il Barcellona non è riuscito a vincere. Il francese non segna nella Liga da 10 partite e nelle ultime 9 soltanto in un’occasione ha completato i 90 minuti in campo.

Setién non vuol sentir parlare di caso e dopo la partita in conferenza stampa ha subito fatto chiarezza sulla scelta di escluderlo. Al suo posto con Messi e Suarez ha trovato spazio nel tridente Riqui Puig.

“Non era facile cambiare senza destabilizzare la squadra. Capisco che possa averla presa male, ma non è stato umiliante. Gli parlerò, ma non gli chiederò scusa. Devo prendere decisioni ponderate: chi stava giocando stava facendo bene”.

Sull’argomento è stato interpellato anche Diego Simeone, che con Griezmann ha lavorato per cinque anni all’Atlético, prima di vederlo partire destinatione Barcellona. Il commento del tecnico è stato lapidario.

“Sono senza parole”.

Duro il commento di Alain Griezmann, papà dell’attaccante blaugrana, che su Instagram si è scagliato contro Setién sostenendo che non ha il controllo della squadra.

“Per poter chiedere scusa dovresti avere le chiavi del camion, e non è il suo caso, perché è semplicemente un passeggero”.

Al momento Griezmann è fermo a 14 goal in 43 presenze complessive con il Barcellona, di cui 37 volte da titolare (18 volte è stato sostituito). Nei suoi anni all’Atlético non è mai andato sotto quota. Nella Liga dal 2013 ha sempre raggiunto almeno quota 15: quest’anno è fermo a 8.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...