,,
Virgilio Sport SPORT

Bucchioni: L'errore colossale del Milan risale a gennaio

La firma de La Nazione va alla radice dei problemi dei rossoneri

In attesa che il campo dica quanto e come Pioli possa essere la medicina per guarire un Milan afflitto da problemi tecnici, da mercato anfibio, da polemiche interne e da perplessità esterne, questa sosta è stata uno stillicidio infinito di veleni e riflessioni sul mondo rossonero. Nessuno ricorda più che il Milan in realtà l’ultima partita l’ha vinta, a Marassi col Genoa, e che la classifica non è così deficitaria: troppe incongruenze, troppe parole poco convincenti da Gazidis a Boban.

L’UMORE – I tifosi hanno l’umore sotto terra, temono di dover vivere una stagione ancor più sofferta dell’ultima che pure ha riservato poche gioie con la Champions sfumata a fine stagione. La maggior parte non ha più fiducia nè nella società, nè nell’allenatore, nè nei giocatori e ne hanno preso anche di mira alcuni.

L’ERRORE – Ad analizzare il difficile momento rossonero è anche Enzo Bucchioni. La firma de La Nazione parla a Radio sportiva e si sofferma sulle incongruenze del club rossonero, ma fa risalire il primo grosso errore a quasi un anno fa.

IL MERCATO – Bucchioni ricorda la trattativa con Ibrahimovic e dice: “Il Milan tra i tanti errori ne ha fatto uno colossale a non prendere Ibrahimovic lo scorso gennaio, poteva essere determinante. Si è visto cosa significa essere gestiti da un fondo che certe cose non le coglie. Ora avrebbe poco senso”.

IL TECNICO – Il giornalista toscano parla anche del cambio in panchina: “Pioli è allenatore normale, da 6: darà certezze e semplicità. Spalletti era avvelenato con l’Inter ha preferito fare come quel signore che far dispetto alla moglie… e mi fermo qui”.

LE RESPONSABILITA’ – Bucchioni conclude così: “Me la sarei presa più con Boban e Maldini più che con Giampaolo tipologia di allenatore che aveva bisogno di più tempo, anche non avendo mai allenato una grande. L’anello debole però è sempre l’allenatore”.

LE REAZIONI – Fioccano le reazioni sui social. Per il mancato arrivo di Ibra i tifosi scelgono i colpevoli: “Colpa di Gazidis e Elliott…scelta scellerata loro”. Sull’allenatore identità di vedute: “Pioli è da 6 esatto, e non si va troppo lontano con uno da 6” mentre c’è chi giustifica Spalletti: “Tu avresti rinunciato a circa 15 milioni? Ipocrita”.

SPORTEVAI | 16-10-2019 08:46

Bucchioni: L'errore colossale del Milan risale a gennaio Zlatan Ibrahimovic Fonte: Twitter

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...