,,
Virgilio Sport SPORT

Bufera Psg-Basaksehir, l'arbitro Coltescu risponde alle accuse

Il quarto uomo della sfida di Champions sospesa: "Non sono razzista".

E’ senza precedenti il rinvio della partita di Champions League tra Paris Saint Germain e Basaksehir, dopo che al 13′ l’intera panchina del club turco ha accusato il quarto uomo romeno Sebastian Coltescu di avere pronunciato frasi razziste nei confronti del vice del tecnico Okan Buruk, Pierre Webo.

La partita verrà completata mercoledì e sarà diretta dall’olandese Makkelie, e l’Uefa ha aperto un’indagine per vederci chiaro. Intanto sono trapelate le prime parole di Sebastian Coltescu, il quarto uomo accusato di razzismo: “Non leggerò nessun giornale in questi giorni. Cerco solo di essere bravo. Chi mi conosce sa che non sono razzista. Spero almeno questo”.

Il ministro dello sport romeno Stroe,  intervenuto a DigiTv, ha preso le distanze:  “Condanno fermamente qualsiasi commento che possa essere interpretato come razzista, xenofobo o discriminatorio. Mi scuso a nome dello sport rumeno per questo sfortunato incidente, che non ci rappresenta”.

Parole dure anche dal presidente della Federazione francese Noel Le Graet: “Rendo omaggio all’atteggiamento delle due squadre che hanno preso una decisione forte ed esemplare quando hanno lasciato il campo. Questi incidenti inaccettabili non hanno posto in uno stadio. L’inchiesta condotta dalla Uefa dovrebbe far luce su questi incidenti e prendere le sanzioni necessarie in caso di osservazioni razziste”. 

Anche lo stesso presidente della Turchia Erdogan è intervenuto su Twitter: “Condanniamo fermamente le dichiarazioni razziste rivolte contro Pierre Webo e crediamo che la Uefa debba fare le azioni necessarie. Siamo incondizionatamente contro il razzismo e la discriminazione nello sport e in tutti i settori della vita. No al razzismo”.

OMNISPORT | 09-12-2020 13:45

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...