,,
Virgilio Sport SPORT

Cellino, frase stupefacente su Balotelli e parole d'addio

"E' nero, sta lavorando per schiarirsi", ha detto il presidente del Brescia.

A margine della riunione di Lega Calcio a Milano il presidente del Brescia, Massimo Cellino, ha rilasciato una sconcertante quanto insensata dichiarazione riguardo a Mario Balotelli, attaccante che da questa estate indossa la casacca delle ‘Rondinelle’. “E’ nero, sta lavorando per schiarirsi ma ha delle grosse difficoltà“, ha riferito il massimo dirigente del club lombardo ai cronisti che gli chiedevano aggiornamenti sul caso che sta riguardando SuperMario.

La dichiarazione ha fatto il giro della rete attirando diverse critiche, tanto che il Brescia qualche ora più tardi ha dovuto chiarire con un comunicato: “‘Una battuta a titolo di paradosso, palesemente fraintesa, rilasciata nel tentativo di sdrammatizzare un’esposizione mediatica eccessiva e con l’intento di proteggere il giocatore stesso”.

Il patron dopo la “battuta” ha bacchettato l’allenatore Fabio Grosso. “L’allenatore ha fatto un errore, in conferenza ha parlato di Balotelli e non della squadra. L’ho preso a fine mercato, non per vendere abbonamenti. L’ho comprato perché poteva essere un valore aggiunto, l’abbiamo fatto diventare un punto di debolezza per sovra-esposizione. Se continuiamo a parlarne, facciamo male a lui e a noi”.

Cellino non si sente tradito da Balotelli: “Non leggo i social, se vivessimo per giocare a calcio e non per i social, affronteremmo il calcio nella maniera giusta. Sono un vecchio elefante di questo calcio. Mi difendo da questa modernità, il mondo italiano è per quello che si dice e non per quello che si fa. Allo stesso tempo, però, Balotelli dà forse più peso ai social che ai suoi valori da sportivo”.

“Non l’ho preso per i social, ma perché è alto un metro e novanta, è un animale. Deve imparare a rispondere in campo. Non speravo che fosse quello che doveva salvare la squadra. Troppo facile usarlo come capro espiatorio, è anche per questo che ho cambiato allenatore. In questo momento andava aiutato lui più di quanto lui potesse aiutare noi. Adesso ci siamo indeboliti come squadra, è difficile aiutarlo. Dobbiamo parlare il meno possibile e spegnere sti c…o di social”.

Cellino è tornato sul tema in serata intervenendo all’emittente locale Teletutto attraverso parole che fanno pensare alla separazione da Balotelli già a gennaio: “Probabilmente, se potessi tornare indietro chiederei a Balotelli se è davvero convinto di venire a Brescia. La scelta è stata più azzardata rispetto a quello che si pensava. Dalla sua parte e dalla nostra. Balotelli è più fragile di quanto pensiate. Sta sentendo un peso superiore rispetto a quello che aveva valutato all’inizio. Ha sottovalutato l’impegno perché non è abituato a lottare per la salvezza. Io non getto la spugna e non mando via nessuno, ma per chi vuole andare via la porta è aperta“.

SPORTAL.IT | 25-11-2019 15:30

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...