Virgilio Sport

Ciclismo sotto choc, trovato positivo il fuoriclasse Chris Froome

Il britannico rischia una squalifica di un anno e la perdita della Vuelta 2017.

13-12-2017 11:10

Ciclismo sotto choc, trovato positivo il fuoriclasse Chris Froome Fonte: 123RF

Nuovo terremoto nel mondo del ciclismo e dello sport. Il fuoriclasse Chris Froome, autentico dominatore del Tour de France negli ultimi anni (quattro edizioni vinte), è stato trovato positivo al salbutamolo (un broncodilatatore usato per il trattamento dell’asma) durante un controllo antidoping effettuato nell’ultima edizione della Vuelta, vinta proprio dal campione britannico, leader del Team Sky.

Lo comunica la Federazione ciclistica internazionale, aggiungendo che le controanalisi sono già state effettuate, e hanno confermato la positività del primo campione. L’Uci comunica di non avere provveduto alla sospensione provvisoria del corridore, in ragione della natura della sostanza incriminata, un farmaco antiasmatico che Froome assume da tempo, e per il quale dispone di un TUE, ovvero una esenzione per uso terapeutico. L’atleta potrà così difendersi nelle prossime settimane.

La concentrazione di salbutamolo nelle urine del capitano del Team Sky è superiore alla soglia massima consentita di 1000 nanogrammi/millilitro. Un caso analogo a quelli di Alessandro Petacchi e Diego Ulissi, che per identico motivo furono squalificati per un anno e per nove mesi rispettivamente, riporta la Gazzetta dello Sport.

Froome ora rischia una sospensione e la perdita degli ultimi titoli, a cominciare dalla Vuelta vinta quest’anno davanti al siciliano Vincenzo Nibali.

Queste le prime dichiarazioni di Froome, riportate da Sky: “Tutti sanno che soffro d’asma, uso da sempre un inalatore nei limiti. Durante la Vuelta ho avuto un peggioramento e ho concordato con il medico l’aumento della dose. L’Uci ha ragione a esaminare i dati, fornirò tutte le informazioni richieste”.

Il britannico dopo il trionfo in Spagna aveva commentato così il suo primo successo in terra iberica: “Devo dire che è probabilmente il più difficile tra i Grandi Giri che abbia mai disputato. Ogni giorno è accaduto qualcosa di diverso: ho avuto buone giornate ma in altre ero sdraiato a terra, sanguinante, pensando che la mia corsa fosse finita. E’ stata una montagna russa, assolutamente implacabile. E’ un sollievo per me essere arrivato a Madrid. Penso che sia probabilmente il mio più grande risultato, essendo la prima persona a vincere il Tour de France per poi andare a conquistare la Vuelta”.

 

SPORTAL.IT

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Verona - Sassuolo
Frosinone - Lecce
Empoli - Cagliari
Atalanta - Bologna
Napoli - Juventus
SERIE B:
Cosenza - Catanzaro
Bari - Spezia
Cittadella - Pisa
Como - Venezia
Ascoli - Reggiana
Modena - Cremonese

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...