,,
Virgilio Sport SPORT

Cori contro Balotelli, colpo di scena in appello

La Corte d'Appello sospende la chiusura del settore dello stadio di Verona dal quale erano arrivati gli insulti all'attaccante del Brescia: "Servono approfondimenti".

Deluso per non essere stato convocato da Roberto Mancini per le ultime partite di qualificazione ad Euro 2020, Mario Balotelli è comunque stato al centro delle cronache calcistiche durante la pausa del campionato.

A pochi giorni dalla ripresa della Serie A che vedrà il Brescia dell’ex attaccante di Inter e Milan impegnato sul campo della Roma, Super Mario è stato infatti protagonista in prima persona del giallo che lo ha visto lasciare in anticipo l’allenamento delle Rondinelle, a quanto pare dopo un rimprovero del tecnico Fabio Grosso per scarso impegno, e poi indirettamente a seguito della decisione della Corte Sportiva d'Appello in merito ai cori razzisti che Balotelli aveva subito nella partita giocata sul campo del Verona lo scorso 3 novembre.

Se infatti il Giudice Sportivo Gerardo Mastrandrea aveva disposto la chiusura del settore del “Bentegodi” da cui erano partiti i cori, ovvero il Settore Poltrone Est, la sentenza d’appello ha disposto la sospensione del provvedimento in attesa di un "supplemento istruttorio”.

Quel giorno Balotelli, visibilmente stizzito, reagì agli insulti di una parte dei tifosi veronesi scagliando il pallone verso la tribuna, per poi minacciare di lasciare il campo, decisione rientrata solo dopo lunghi minuti durante il quale il giocatore fu confortato da compagni e avversari.

Il direttore operativo del Verona, Francesco Barresi, ha espresso la soddisfazione del club: "È un provvedimento ragionevole che ci soddisfa. Siamo riusciti con grande impegno e determinazione, in un momento molto delicato, come facilmente comprensibile a tutti, ad evidenziare minuziosamente all'organo giudicante le varie incongruenze emerse dall'analisi degli atti ufficiali di gara, ora meritevoli di approfondimento, soprattutto in merito all'assoluta ingiustizia di colpevolizzare un intero settore". 

"Ora attendiamo una definitiva decisione favorevole e in ogni caso equa per il club e la nostra tifoseria – ha concluso Barresi – Anche alla luce della valutazione della giustizia sportiva, in casi analoghi, durante la corrente stagione sportiva”.

Dall’altra parte il presidente della Figc Federcalcio, Gabriele Gravina, secondo quanto appreso dall'Ansa, si è invece detto "molto deluso" per la decisione della Corte di Appello della Figc, dopo che lo stesso massimo dirigente del calcio italiano aveva espresso consenso alla sentenza del Giudice Sportivo.

 

SPORTAL.IT | 21-11-2019 20:07

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...