Virgilio Sport

Coronavirus, Javier Zanetti: "A Milano gli ospedali non bastano"

Javieri Zanetti ha raccontato la situazione a Milano e in Italia legata all'emergenza coronavirus

18-03-2020 10:28

Coronavirus, Javier Zanetti: "A Milano gli ospedali non bastano" Fonte: ANSA

Le parole utilizzate da Javier Zanetti, vice presidente ed ex capitano dell’Inter, in un’intervista a Radio Continental sono forti,ma efficaci: così da testimone racconta l’emergenza coronavirus che sta vivendo il nostro Paese e la città di Milano.

Coronavirus a Milano: la situazione degli ospedali

“A Milano gli ospedali non bastano, i dottori fanno un grande sforzo per salvare delle vite. Nessuno si aspettava questi numeri”, ha detto l’argentino. “Ho visto che in Argentina ci sono casi di coronavirus. Credo che il governo abbia preso le misure corrette. Speriamo che non sia come è successo qui”.

La rivale di sempre: la Juventus

Lo spettro del contagio ha coinvolto anche i giocatori interisti, dopo l’ultimo incontro con la Juventus, che conta già Daniele Rugani e Matuidi tra i positivi al coronavirus: “La nostra ultima partita è stata con la Juve, che oggi ha due casi confermati di Coronavirus. Noi per il momento non abbiamo nessun tipo di sintomo”.

“Noi dobbiamo stare fino al 25 marzo in quarantena, il club è chiuso. Solo allora vedremo se potremo allenarci di nuovo. Io sto lavorando da casa. L’Inter ha disposto diverse misure per fronteggiare la situazione, ha chiamato dei professionisti per preparare tutti. La società sta facendo seguire ai calciatori dei programmi nutrizionali preparati dai nutrizionisti, consegnano il cibo a domicilio”.

Su Lautaro, infine, ha detto: “Dei talenti emersi, Lautaro è sicuramente tra i migliori. Ad oggi il suo futuro lo vedo nel calcio italiano”.

VIRGILIO SPORT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...