Virgilio Sport

Coronavirus: netta presa di posizione di Tommasi: "Fermiamo il campionato"

L'allarme Coronavirus ha stravolto anche il mondo del calcio.

07-03-2020 23:41

Coronavirus: netta presa di posizione di Tommasi: "Fermiamo il campionato" Fonte: 123RF

Fermiamo il campionato!!! Serve altro? Stop football!!”. Si è espresso così su Twitter Damiano Tommasi, presidente dell’Associazione Italiana Calciatori in merito all’emergenza Coronavirus. L’ex centrocampista della Roma ha espresso tutta la sua preoccupazione anche ai microfoni dell’Ansa.

“La situazione è molto seria e, se non la si affronta per quello che è, il contagio rischia di non fermarsi nel caso delle partite non si può lasciare ai giocatori il cerino sulle scelte di giocare o meno, non solo per loro, ma per tutte le persone che compongono lo staff e che entrano ed escono in deroga dalle zone rosse“. 

“Ho parlato con diversi dirigenti – ha continuato Tommasi -: sarebbe ora di fermare il campionato. Penso ai massaggiatori di una certa età che sono al seguito delle squadre. Ci dicono che cosa succede se qualcuno si rifiutasse di giocare, ma non può essere questa la situazione in nome del principio che il calcio deve andare avanti“.

Mario Balotelli sul suo profilo Instagram si è schierato al suo fianco: “La penso come te al 100%. I soldi non valgono la salute, svegliamoci. Amo il calcio più di voi ma giocare vuol dire viaggiare in pullman, treno, aereo, dormire in hotel, entrare comunque a contatto con altre persone al di fuori della tua società lavorativa. Non si scherza con la salute ragazzi”.

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, si è espresso così alla ‘Rai’: “Non possiamo escludere neanche la sospensione del campionato. Non possiamo azzardare ipotesi che ad oggi non riusciamo a prevedere, ma dobbiamo essere realisti e il rischio, nel caso qualche giocatore risultasse positivo, è reale. In tal caso, adotteremmo tutti i provvedimenti necessari per garantire prima la tutela dei nostri atleti e poi capire cosa si può fare e che impatto può avere sulla competizione sportiva. Non possiamo escludere davvero nulla, non possiamo azzardare ipotesi imprevedibili”.

“Abbiamo cercato, raccogliendo l’invito del ministro Vincenzo Spadafora, di andare incontro alle esigenze degli italiani nella speranza che tutti possano seguire questi eventi da casa, l’evento a porte chiuse è sicuramente un evento monco“.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...