Virgilio Sport

Cucchi: Basta attacchi al Sud, Feltri ha stancato

La voce di Tutto il Calcio esasperata col direttore di Libero Quotidiano

21-04-2020 10:01

Cucchi: Basta attacchi al Sud, Feltri ha stancato Fonte: Facebook

Non è del tutto vero che il dolore per il Coronavirus e tutto quello che il mondo intero sta passando ci renderà più buoni. Non c’è bisogno di aspettare che l’emergenza finisca per capire che se è vero che niente sarà come prima, non è assolutamente sicuro che sarà meglio di prima. Le polemiche e i veleni di questi giorni di pandemia ne sono la dimostrazione, come anche alcuni sfoghi gratuiti.

Le provocazioni di Feltri

Il direttore di Libero Quotidiano Vittorio Feltri (che nulla ha a che fare con Libero.it, lo storico portale internet), da giorni attacca il Sud. Nei giorni scorsi aveva scritto: “Manca soltanto la Lombardia per creare una frattura tra le due Italie divise da una antipatia reciproca che si era sopita e che le polemiche sul virus hanno risvegliato in modo drammatico. Attenzione, manutengoli ingordi, a non tirare troppo la corda poiché correte il pericolo di rompere il giochino che fino ad ora vi ha consentito di ciucciare tanti quattrini dalle nostre tasche di instancabili lavoratori. Noi senza di voi campiamo alla grande, voi senza di noi andate a ramengo. Datevi una regolata o farete una brutta fine, per altro meritata”.

Il nuovo attacco

Anche oggi nell’editoriale del direttore bergamasco una nuova frecciata: “Il sud gioisce e fa le pernacchie al Nord, felice che i settentrionali siano stati massacrati dal virus. I meridionali interpretano questa congiuntura come un giudizio universale. Pensano – scrivono e cantano – con gaudio che la giustizia divina ha regolato i conti in sospeso da secoli. “Che meraviglia vedere i polentoni che annaspa no nelle sale della terapia intensiva. Quanti morti ieri a Milano? 800? Buona notizia. A Napoli solo 200. Ovvio, noi partenopei siamo migliori, moralmente più saldi, non adoriamo dio Soldo ma, al massimo, San Gennaro”. Altro che unità Nazionale. Godiamoci la Vendetta”.

Il tweet di Cucchi

Parole che hanno indignato Riccardo Cucchi. La storica voce di Tutto il calcio prima lancia un tweet di gioia (“Una notizia che apre i nostri cuori, tutti, alla speranza: zero contagi a Napoli. Forza. Insieme”) poi attacca Feltri.
Cucchi scrive: “Ci ho pensato molto prima di scriverlo. Molto. Ma sono esasperato da tanto inutile rancore. La libertà di opinione è sacra e lui è un direttore. Io, solo un giornalista che ha cercato di fare il suo lavoro onestamente. Bene o male, non lo so. Ma Feltri mi ha stancato. Davvero”.

Le reazioni sul web

Fioccano i commenti: oltre 500 in poche ore. “Il direttore di un giornale, che tra l’altro riceve finanziamenti pubblici, dilettandosi a lanciare editoriali colmi di odio, agisce nei limiti Costituzionali, o è “solo” un pessimo esempio?” o anche: “So che per chi fa il suo mestiere, esporsi così verso un “collega“, non è una cosa banale E può costare, Chapeau”.

Colpa di Crozza?

C’è chi scrive: “La pubblicità piovutegli addosso grazie a Crozza con la sua imitazione l’ha portato ad esasperare il suo atteggiamento. A volte la realtà è peggio della finzione. L’esposizione in video porta ad esaltazione” e infine: “La libertà di opinione non ha nulla a che vedere con la libertà di delirio“.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...