SPORT
  1. Home
  2. CALCIO

Cutrone l'arma segreta di Gattuso contro l'Inter

Il baby-bomber ha già segnato ai nerazzurri in coppa Italia un gol decisivo ai supplementari

Qualcosa deve inventarsi. Perchè questo derby arriva in un momento cruciale della stagione del Milan. Messi alle spalle, almeno momentaneamente, dubbi e problemi, con un Higuain in grande spolvero, con voci di mercato incoraggianti (tra la certezza Paquetà e il sogno Ibrahimovic) il Milan sta riprendendo la corsa verso i vertici della classifica, in virtù anche dei potenziali tre punti in più che potrebbero arrivare dal recupero col Genoa, ma non può sbagliare nella stracittadina. Questione di supremazia interna, di fiducia, di entusiasmo dei tifosi. Ecco perchè Gattuso qualcosa deve cavar fuori dal cilindro per sorprendere Spalletti e rovesciare un pronostico che ora come ora – anche se i derby fanno sempre storia a sé e spesso li vince la squadra sfavorita – vede i cugini un gradino più su come condizione e valore generale. La sosta ha permesso al tecnico rossonero di recuperare qualche infortunato (Romagnoli sta migliorando e dovrebbe esserci, ad esempio) e le partite delle nazionali stanno per portare in dote tanti elementi positivi (come il boom anche con la Spagna di Suso) ma Ringhio sta pensando ad una mossa a sorpresa. Per battere l’Inter servono i gol e per far gol servono soprattutto gli attaccanti.

NUOVA FORMULA – Va bene Higuain, chi lo tocca? Ma l’idea Cutrone si sta lentamente insinuando nella testa di Gattuso che vuol lanciare il baby-bomber assieme al Pipita o dall’inizio (al posto di Calhanoglu con Suso libero di muoversi alle spalle delle due punte) o a gara in corso. Cutrone sa come si fa, all’Inter ha già segnato un gol bello e pesantissimo. Era il 27 dicembre dello scorso anno, quarti di finale di coppa Italia: un derby sentito, nervoso, che contava tantissimo per tutt’e due. A risolverlo fu al minuto 104 proprio Cutrone, con una zampata di classe e freddezza su imbucata di Suso (chi, se no?). Aveva ancora 19 anni Partrick quel giorno e i derby li aveva sempre e solo giocati con la Primavera prima di allora. Si tolse la maglia ebbro di gioia ed andò ad esultare sotto la tribuna.

IL DERBY DI COPPA – Migliore serata non poteva neanche immaginarla ( “La notte dopo ho dormito solo due ore, quasi niente. La testa pensava continuamente all’azione del gol, all’esultanza e al dopo partita: è stata un’emozione indescrivibile”) ma ora Cutrone sogna di ripetersi. Di rivivere quelle emozioni e di decidere ancora un derby, forse ancora più importante di quello dello scorso anno. Gattuso lo sta monitorando con attenzione dopo i problemi muscolari che l’hanno costretto a dare forfait in nazionale. Chissà che non sia stato meglio così: per l’azzurro ci sarà tempo, lui c’è e ci sarà, l’età gioca per lui. Il derby però è adesso. Gattuso ha bisogno di lui perchè Ringhio alle statistiche ci tiene: da giocatoe ha vinto 13 volte il derby. Nei 23 match in cui ha affrontato l’Inter, ne ha pareggiati 2 e persi 8. Domenica vuol riaggiornare le cifre.

SPORTEVAI | 13-10-2018 12:57

Cutrone l'arma segreta di Gattuso contro l'Inter Fonte: Getty Images

SPORT TREND