SPORT

SQUADRE DI SERIE A

  1. Home
  2. CALCIOMERCATO
  3. STORIE

Dal gol al Milan al "Vicenza 2", la ripartenza di Djibril Cissé

L'esperto attaccante francese ex Liverpool e Lazio firma per la seconda squadra della città berica, cui però manca ancora l'affiliazione e una categoria in cui giocare.

Dal rischio di perdere il calcio professionistico, alla prospettiva di avere due club. Se oggi i derby in Serie A sono quattro, quelli classici di Genova, Milano, Torino e Roma, nella prossima Serie C si giocherà di sicuro quello di Piacenza, tra i biancorossi e la Pro, società di antiche tradizioni, ma approdata nel professionismo solo. Ma non solo, perché un’altra città potrebbe veder disputare una stracittadina del tutto inedita. Si tratta di Vicenza, dove al Lanerossi Virtus, società nata dalla fusione voluta da Renzo Rosso tra il Bassano Virtus e lo storico Lanerossi Vicenza, reduce dal fallimento e dalla sofferta salvezza in C della scorsa stagione, potrebbe affiancarsi il Vicenza Calcio 1902, club cui hanno dato vita due giovani imprenditori francesi, Christian Payan e Brice Desjardins, sconfitti da Rosso nell’asta fallimentare.

Il Vicenza Calcio 1902 è però a tutt’oggi solo un bel progetto: la società infatti non è ancora stata affiliata alla Federazione e la categoria dalla quale partire è un mistero. Il sogno è appunto la Serie C, ma sembra destinato a restare tale. Più probabile che la nuova avventura parta dalla D, intanto le amichevoli previste saltano per mancanza di sparring partner e la rosa è formata da qualche giovane e da svincolati di campionati minori o stranieri. Per sbloccare la situazione almeno sul piano mediatico ci voleva un acquisto di prestigio. Missione compiuta grazie alla firma di Djibril Cissè. Sì, nessun caso di omonimia, si tratta proprio dell’ex stella del calcio francese e inglese, attaccante di lungo corso della Francia, ma anche di Liverpool, Marsiglia e pure Lazio, seppur per un breve e poco fortunato periodo.

“Volevo smettere, ma mi sono fatto convincere da Payan. Sono qui per dare una mano e fare da nonno a questa squadra di giovani” le prime parole dell’attaccante, inattivo dal 2015, ma che ha pure già posato con la nuova maglia, ovviamente biancorossa. Quella di Cissé è stata una carriera martoriata dagli infortuni, il più spaventoso dei quali nell’ottobre 2004, ai tempi del Liverpool, la frattura di tibia e perone con annesso rischio di amputazione della gamba. La ripresa è stata lenta e ha condotto Cissè anche in Italia, alla Lazio nel 2011: solo cinque mesi, ma il gol al debutto contro il Milan poi scudettato resta nella memoria. Quasi come questa nuova e strana avventura nella “squadra che non c’è”.

SPORTAL.IT | 19-08-2018 13:15

Dal gol al Milan al 'Vicenza 2', la ripartenza di Djibril Cissé Fonte: Twitter

SPORT TREND