,,
Virgilio Sport SPORT

Inter-Juve, Conte stizzito con i tifosi: "Iniziativa becera"

"Grande merito a chi ci ha lavorato per farla diventare una vera corazzata".

Durante la conferenza stampa alla vigilia del Derby d’Italia, Antonio Conte ha attaccato duramente alcuni tifosi della Juventus che in rete hanno fatto una petizione per togliere la stella del tecnico leccese all’Allianz Stadium: “Non sono tifosi, ma ignoranti. Una cosa becera e priva di insegnamento e valori. Non bisogna neanche dargli spazio”, ha dichiarato stizzito.

“Abbiamo la fortuna di fare uno sport amatissimo nel mondo: dobbiamo trasmettere valori positivi. È uno sport, non una guerra e a volte lo dimentichiamo. Non deve esserci violenza altrimenti sono il primo ad andarmene. Siamo in una società dove c’è odio e violenza: c’è da aver paura delle nuove generazioni. In Inghilterra non c’è tutto questo. Da quando sono tornato mi chiedo “chi me l’ha fatto fare?”. Finché c’è la passione vado avanti, ma può anche svanirmi e allora saluto tutti”, ha proseguito il mister salentino.

Sulla Juventus: “Ha dettato legge negli ultimi otto anni in Italia e ha fatto bene in Europa. E’ una squadra costruita nel tempo. Grande merito a chi ci ha lavorato per farla diventare una vera corazzata. Sono un esempio“.

“Si affrontano due squadre che sono in testa e che hanno fatto meglio delle altre. Siamo però solo alla settima di serie A, tutti i valori verranno fuori più avanti. Il tempo dirà quali sono le nostre ambizioni. Serve coraggio. Noi dipenderemo molto dalla nostra crescita dei singoli, ma anche del collettivo. Ci sono giocatori che possono diventare top player”.

I nerazzurri sono reduci dalla dolorosa sconfitta con il Barcellona: “Ogni partita è importante, continuo a ripetere che ogni gara è uno step. Quando perdi a Barcellona deve esserlo, per capire dove si può migliorare. Per raggiungere certi livelli dobbiamo ancora fare strada”.

“Quando parlate di vedere anche solo l’1% di possibilità di poter vincere, bisogna considerare anche il lavoro, la crescita necessaria per poterlo fare. Quando ho parlato con i direttori e il presidente, ho intravisto certe situazioni, ma tra il dire e il fare c’è tanto. Si abusa troppo di questa parola: vincere. Pochi sanno cosa c’è dietro, quanto lavoro c’è, cosa comporta vincere. Devo cercare di trasferire questi concetti, io il primo che cerca di migliorare”.

Conte è tornato poi sullo sfogo dopo la partita con i blaugrana: “Timore per arbitraggio indirizzato? Assolutamente no. Sono stato il primo a dire che le decisioni prese dall’arbitro non dovevano essere un alibi per nessuno. Ho manifestato un malumore, ma state lontani anni luce se pensate che parlerò di questo usandolo come attenuante. Costruiremo qualcosa di più positivo per il quale quelle partite, in futuro, non si perdano più. Alla fine vince sempre il migliore”.

Un bilancio sui primi mesi del suo operato: “Mi auguro nel prossimo mini-ciclo di poter contare su più giocatori, per ripartire meglio le forze. Il nostro campionato gira intorno a questo, nella gestione delle energie, affinché certi giocatori non siano costretti a giocarle tutte. E’ importante per l’Inter. Qualcuno era in ritardo, ma siamo solo all’inizio e il serbatoio è pieno. Queste sono partite che danno energie per entrambi. Arriviamo con la giusta convinzione ed entusiasmo, anche dopo una sconfitta contro un grande avversario in Champions“.

“Penso che la Juventus abbia una propria idea, ha vinto cinque partite e pareggiata una, in Champions una vittoria e un pari, ha una sua fisionomia, ha abitudine, ha giocatori che sanno solo vincere, ha tutto. Parliamo di una squadra fatta che ogni anno aggiunge e non sostituisce. Ogni anno è andata sempre più su, gli altri il percorso inverso. Si è creato un gap, noi abbiamo iniziato un percorso per ridurlo”.

SPORTAL.IT | 05-10-2019 15:41

Inter-Juve, Conte stizzito con i tifosi: "Iniziativa becera" Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...