Virgilio Sport

Zanardi, camionista distrutto: "Di notte ripenso a quel momento"

L'autista del tir confessa la sua disperazione: "Penso di aver fatto il possibile, ho temuto fosse finito sotto le ruote".

21-06-2020 16:00

Zanardi, camionista distrutto: "Di notte ripenso a quel momento" Fonte: 123RF

Mentre tutta Italia resta con il fiato sospeso per la sorte di Alex Zanardi, che sta lottando per la vita all’ospedale di Siena dopo il grave incidente di venerdì, il campionista che guidava il mezzo contro cui si è schiantato il pilota ed handbiker ha confessato la sua disperazione a La Repubblica.

“L’ho visto con i miei occhi sbandare e cadere. Prima ha invaso un po’ la mia corsia poi è caduto a terra sbattendo la spalla sinistra. Le ruote della sua handbike erano per aria. Ho provato a buttarmi a destra, se non l’avessi fatto sarebbe stato un frontale”.

Appena chiudo gli occhi riparte quel film, con la coda dell’occhio l’ho visto sparire, ho temuto fosse finito sotto le ruote. Penso alla sua famiglia, neanche immagino cosa possano provare moglie e figlio. Appena avrò modo voglio parlare con loro. Speriamo che ce la faccia anche questa volta“.

L’autista del tir ha parlato anche a Radio Rai: “Va male perché la situazione è brutta, non essendo colpa mia, io quando ho visto che lui sbandava mi sono buttato tutto a destra, ma lui mi è venuto addosso ed è scivolato verso il camion. Penso di aver fatto il possibile. Ha cominciato a sbandare, mi sono buttato sulla destra però è stata una frazione di secondo e mi ha colpito“.

“Penso tutte le notti a quel momento, mi dispiace e gli sono vicino non so come finirà, ma sono a terra”.

Il camionista è attualmente indagato dal pm, che parla di “atto dovuto”.

SPORTAL.IT

Leggi anche:

Caricamento contenuti...