,,
Virgilio Sport SPORT

È morto Gigi Simoni, calcio in lutto

Luigi Simoni è morto a 81 anni a Pisa: vinse la Coppa Uefa sulla panchina dell'Inter

Il mondo del calcio piange uno degli allenatori più amati. All’età di 81 anni è infatti morto a Lucca Luigi Simoni.

L’ex calciatore, tra le altre, di Torino e Juventus, e allenatore degli stessi granata, ma anche di tantissime altre squadre tra le quali Lazio, Pisa, Genoa, Cremonese e Inter, non si era mai ripreso dall’ictus che lo aveva colpito esattamente 11 mesi fa, il 22 giugno 2019, nella propria abitazione di San Piero a Grado, in provincia di Pisa, venendo ricoverato d’urgenza nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Cisanello di Pisa.

A marzo Simoni, che era nato a Crevalcore il 22 gennaio 1939, era stato riportato a casa dalla clinica che l’aveva in cura per ragioni di sicurezza, vista la pandemia di Coronavirus, ma un deciso peggioramento delle condizioni di salute aveva reso necessario nella giornata di giovedì il ricovero all’ospedale di Lucca, dove è arrivato senza più speranze di riprendersi. Accanto a lui fino all’ultimo la moglie Monica.

A piangerlo sono soprattutto i tifosi dell’Inter, che lo ricordano per la sua breve, ma intensa esperienza sulla panchina nerazzurra nella stagione 1997-’98 e fino al novembre dello stesso anno.

La cavalcata vincente in Coppa Uefa e l’amaro secondo posto in campionato alle spalle della Juventus, nella stagione delle mille polemiche arbitrali per tanti episodi, su tutti il celeberrimo scontro tra Mark Iuliano e Ronaldo, lo hanno reso un immortale per i tifosi nerazzurri, costretti beffardamente a registrare questa triste notizia proprio nel decennale della conquista della terza Coppa Campioni/Champions League della propria storia.

Simoni ha scritto anche la storia della Cremonese, allenata tra il 1992 e il ’96 con una promozione in A, due salvezze e la conquista della Coppa Anglo-Italiana il 27 marzo ’93 a Wembley contro il Derby County, sconfitto 3-1.

Da giocatore ha vinto una Coppa Italia con il Napoli nel ’62, ha militato nel Mantova, nel Brescia e nelle due squadre torinesi: il Torino lo cedette alla Juventus nel dopo che i bianconeri avevano cercato di strappare ai cugini Gigi Meroni, che giocava nello stesso ruolo di Simoni.

Tantissime le squadre di cui è stato allenatore in una carriera durata quasi 40 anni: ben sette le promozioni dalla B alla A ottenute, che ne fanno il primatista in questa speciale graduatoria. Oltre che con la Cremonese, Simoni fece il salto con il Genoa nel 1976 e nel 1981, con il Brescia nel 1980, due volte con il Pisa, nel 1985 e nel 1987 e con l’Ancona nel 2003.

SPORTAL.IT | 22-05-2020 14:08

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...