,,

Virgilio Sport SPORT

ESport alle Olimpiadi, CIO: "No ai giochi che promuovono violenza

Ancora una battuta d'arresto per la corsa degli sport elettronici verso i giochi olimpici, ecco perché

La strada verso i giochi olimpici è ancora lunga per l’eSport: lo confermano le parole del CIO, attraverso la voce del suo presidente Thomas Bach, durante una conferenza a Giakarta. L’incertezza che blocca la partecipazione degli sport elettronici alle Olimpiadi è legata ancora una volta alla difficoltà di stabilire le giuste norme da adottare per le competizioni videoludiche.

“Non possiamo avere nel programma olimpico un gioco che promuova violenza o discriminazione”- ha spiegato Bach all’Associated Press, aggiungendo anche che questo tipo di giochi sarebbe “in contraddizione con i valori olimpici e questo non può quindi essere accettato. Ogni sport da combattimento deriva da sfide reali, cruente. Ma lo sport è l’evoluzione civilizzata di tutto questo. Invece quando hai e-games il cui obiettivo è uccidere qualcuno, ciò non è in linea con gli ideali olimpici” – ha concluso Bach.

Una decisione che è ormai da mesi al centro del dibattito all’interno del Comitato Olimpico Internazionale: già lo scorso 21 luglio era stato organizzato un forum proprio per dibattere dell’opportunità di inserire gli eSport tra le attività olimpiche, insieme a proprietari di team, player e altre figure esportive.

Ancora uno stop, dunque, nella corsa alle Olimpiadi. Tuttavia, chi crede fortemente negli eSport non si arrende e continua a sperare di veder riconosciuti gli sport elettronici come discipline olimpiche.

HF4 | 05-09-2018 08:30

ESport alle Olimpiadi, CIO: "No ai giochi che promuovono violenza Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...