Virgilio Sport

F1, la Ferrari nasconde qualcosa: le parole di Vettel

Le dichiarazioni del tedesco sul ritardo della SF1000 sono sorprendenti.

02-03-2020 13:07

F1, la Ferrari nasconde qualcosa: le parole di Vettel Fonte: 123RF

Tra il Coronavirus e il ritardo in pista nei test, il 2020 della Ferrari non è certo iniziato in modo promettente. Ma Sebastian Vettel, in scadenza di contratto a fine anno, irradia ottimismo in un’intervista a Crash.net: “Tutte le grandi squadre stanno cercando di tirar fuori qualche invenzione. Abbiamo comunque simulato in piccola parte un po’ di tutto. Anche quando non lo sembra, c’è sempre qualcosa che stai testando. Cose che non gli altri non vedono“.

Parole che ridanno speranza ai tifosi della Rossa: “Sono molto curioso quindi di vedere in Australia dove siamo finiti. L’obiettivo era aumentare il carico aerodinamico dell’auto e ci siamo riusciti. Sul rettilineo però sembriamo ancora un po’ ubriachi, andiamo decisamente lenti. Ne siamo consapevoli, cerchiamo equilibrio”.

Possibile che Maranello nasconda qualcosa? “Gli altri sono sembrati più veloci, ma siamo pronti ad affrontare la stagione che verrà. La Ferrari è una squadra forte, se ci sarà del lavoro da svolgere per arrivare davanti lo faremo”.

Sul futuro, Vettel si è invece espresso così ad Autobild: “Non ci sono segni né motivi per cui non potrei o non dovrei continuare. Mi diverto ancora. Non credo di dover temere di non poter essere presente in griglia l’anno prossimo”.

“Credo che la Ferrari sia semplicemente la squadra più importante in Formula 1. Vincere qui sembra diverso rispetto a vincere altrove. Futuro? Al momento non immagino che sarò in Formula 1… tra otto anni”.

La precisazione della Ferrari

“Contrariamente a quanto riportato, non è assolutamente previsto che il personale della scuderia Ferrari che parte per l’Australia faccia alcun tampone preventivo”. Lo precisa la scuderia di Maranello a proposito dell’emergenza coronavirus, in vista della trasferta in Australia dove il 15 prenderà il via il Mondiale 2020 di Formula 1 e per la quale il team di Maranello conferma al momento il programma di partenza. “Pur sapendo che la situazione è in continua evoluzione, sul fronte della partenza per Australia/Bahrain non ci sono al momento giunte controindicazioni da nessuno degli enti con i quali siamo costantemente in contatto, ossia la FIA, Formula1, le autorità sia italiane e dei paesi in questione: quindi al momento la nostra partenza è confermata”.

SPORTAL.IT

Leggi anche:

Caricamento contenuti...