,,
Virgilio Sport SPORT

F1: Vettel contro Leclerc, l'ex ferrarista fa la sua scelta

Berger sicuro: "Possono convivere anche se il monegasco rappresenta il futuro".

Uno dei temi più caldi nel 2019 da dimenticare della Ferrari in Formula 1 è stato sicuramente rappresentato dalla complicatissima convivenza tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc, apparsa delicata per tutto l'anno e poi deflagrata in occasione del contatto di Interlagos che tanto ha fatto discutere Maranello e il mondo. Ma qualcuno che conosce molto bene il Cavallino è intervenuto sulla questione, facendo una scelta ben precisa.

Si tratta di Gerhard Berger, che tra gli anni '80 e i '90 ha pilotato la Rossa per sei anni, dividendo il box con aspiranti campioni del mondo del calibro di Michele Alboreto, Nigel Mansell (che poi conquistò l'iride nel 1992, in Williams) o Jean Alesi. Senza dimenticare i tre anni trascorsi al fianco di un certo Ayrton Senna in McLaren.

"Credo che due 'piloti alfa' all'interno della stessa scuderia possano convivere – ha sottolineato l'austriaco ai microfoni di 'Servus TV' -. Ed è chiaro che Leclerc rappresenta la nuova generazione. Ma questo presenta sia vantaggi che svantaggi per lui".

E il veterano di 210 Gran Premi in carriera (di cui 10 vinti) ha anche spiegato cosa intende: "Il vantaggio è che porta il team a dare il massimo delle proprie possibilità, ma c'è anche uno svantaggio. Qualcuno all'interno della Ferrari è infatti tenuto a gestirlo".

Una situazione che Berger conosce bene anche a livello professionale, dato che proprio lui era comproprietario al 50% della Toro Rosso nel 2007, anno in cui debuttò nel team italo-austriaco un giovanissimo Vettel.

La sua convinzione resta comunque chiara: quella di una Ferrari che non deve scegliere un solo pilota tra Vettel e Leclerc su cui puntare, in vista di un 2020 che deve necessariamente presentare il riscatto rosso.

"Se guardiamo indietro, è ciò che i grandi team hanno sempre fatto – ha osservato -. Frank Williams ha sempre messo due macchine veloci in mano a entrambi i piloti, e lo stesso vale per Enzo Ferrari".

Un pensiero, quindi, anche sul modo di comportarsi del Drake in persona: "Lui ha sempre voluto alzare la pressione sul numero 1 del team, tenendosi aperta la possibilità di renderlo il secondo".

E ne sa qualcosa un altro grandissimo austriaco di Maranello: quel Niki Lauda arrivato da gregario o poco più di Clay Regazzoni, prima di divenire due volte campione del mondo a Maranello.

SPORTAL.IT | 09-12-2019 21:27

F1: Vettel contro Leclerc, l'ex ferrarista fa la sua scelta Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...