Virgilio Sport

Ferrari e Mercedes verso l'armistizio, ma la pace non sarà lunga

Le due scuderie in attesa di scontrarsi in pista cercano un punto d'incontro fuori

14-03-2020 19:02

Ferrari e Mercedes verso l'armistizio, ma la pace non sarà lunga Fonte: Ansa

Le consultazioni fiume per decidere la cancellazione del Gran Premio d’Australia hanno avuto altri risvolti in quel di Melbourne. Sembra infatti che, anche tramite l’intervento dei piani alti delle due multinazionali, Ferrari e Mercedes, siano arrivate ad una sorta di armistizio sulla questione del tacito accordo tra Maranello e la FIA sulla power unit rossa. Ed ora? Si rompe il fronte dei 7 team sul Ferrarigate.

Secondo quanto riportato da motorsport.com ci sarebbe stata una telefonata fra Ola Kallenius, presidente Daimler, e John Elkann, presidente Ferrari, che avrebbe portato la Stella a modificare la sua posizione chiamandosi fuori dalla guerra che era stata messa in atto insieme agli altri team della F1 contro la stessa Ferrari e la FIA.

Secondo il sito specializzato, in questo caso, sarebbe stato scavalcato proprio il team principal Mercedes, Toto Wolff che pochi giorni prima aveva capeggiato la rivolta dei 7 team con tanto di comunicato unificato contro il tacito accordo FIA-Ferrari. Altri e alti interessi in un momento in cui non si sa quando il Mondiale di Formula 1 del 2020 potrà davvero cominciare vista la cancellazione delle prime tre gare e le fosche previsioni mondiali sulla pandemia da coronavirus.

Eppure, come ha scritto oggi Luigi Perna sulla Gazzetta dello Sport l’ascia di guerra potrebbe essere presto dissotterrata visto che c’è un altro fronte di scontro tra Ferrari e Mercedes. “Mattia Binotto e Louis Camilleri – scrive il giornalista e riportato da F1 Passion – avrebbero strappato condizioni particolarmente favorevoli alla FIA sotto il profilo del contributo economico. In particolare la Ferrari sarebbe riuscita a conservare il suo diritto di veto, sul quale i rivali si sono sempre espressi in modo negativo. Wolff si sarebbe aspettato un trattamento migliore per Mercedes, dopo aver dominato l’era degli ibridi; le voci sull’addio di Stoccarda potrebbero essere state una strategia. La spaccatura con la rossa ha riguardato anche i nuovi regolamenti tecnici 2021″. Insomma la pace durerà poco pare.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...