,,
Virgilio Sport SPORT

Ferrari, Vettel a un passo dalla squalifica: "Non è un problema mentale"

Il pilota tedesco cerca il riscatto a Singapore ma non deve commettere altri errori.

Sebastian Vettel deve riscattarsi a Singapore dopo l’ultimo Gran Premio di Monza da incubo. Le due vittorie consecutive di Charles Leclerc in Belgio e in Italia pesano come macigni sulla stagione del tedesco, partito come prima guida ma ancora a secco di successi: il quattro volte campione del mondo dovrà stare inoltre attento a non commettere altri errori come il testacoda alla curva Ascari all’Autodromo, che ha portato al contatto con Stroll e ai tre punti di penalità sulla patente di superlicenza. Vettel è ora arrivato a quota 9 dei 12 punti ammissibili: un’altra sanzione da tre punti farà scattare il Gran Premio di squalifica.

Sulla complicata situazione del tedesco si è espresso l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya, che in un’intervista ad Autosport ha sostenuto che il problema del ferrarista è tecnico e non mentale: “Non credo sia una cosa mentale, è più tecnica. Penso che non gli piaccia qualcosa della macchina e delle gomme di quest’anno. Leclerc è in grado di adattarsi meglio. Vettel deve soffrire per andare veloce come l’altro pilota. E visto che deve soffrire e non si sente a suo agio, fa degli errori”. Da tempo Vettel soffre di problemi al posteriore.

“Dovrà abbassare la testa e lavorare più duramente di quanto abbia mai fatto. L’unico modo è lavorare di più, facendo qualcosa di diverso da quello che sta facendo ora”.

Anche Montoya visse una situazione simile in McLaren nel 2006: “Ho dovuto cambiare il modo in cui frenavo e ho iniziato a fare cose molto diverse da quelle a cui ero abituato. Cambiare il modo di guidare è complicato: puoi essere comunque veloce, ma probabilmente non come una volta. Vettel dovrà adattarsi in una certa misura, ma imparare ad essere veloce in un modo diverso è molto difficile”.

SPORTAL.IT | 16-09-2019 21:00

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...