,,
Virgilio Sport SPORT

Verstappen, confermata la vittoria. Ferrari e Leclerc furiosi

Nessuna sanzione nei confronti dell'olandese.

Nessuna sanzione nei confronti di Max Verstappen. E’ arrivato nel tardo pomeriggio di domenica, dopo ore di attesa, la decisione dei commissari di gara sull’esito del tormentato Gran Premio d’Austria.

Confermata quindi la vittoria per il pilota olandese della Red Bull: Charles Leclerc, superato con una manovra al limite da Verstappen (con tanto di ruotata), resta secondo, terzo Bottas.

Una decisione che farà discutere, tre settimane dopo la mortificante penalizzazione di Vettel in Canada, quando il pilota tedesco della Ferrari, che tagliò per primo il traguardo, fu penalizzato di 5 secondi perdendo la vittoria in favore di Hamilton.

Ancora una volta gli steward hanno dato torto alla scuderia di Maranello: questa volta si è deciso di applicare il regolamento in modo meno severo.

Nel corso del pomeriggio non era mancato il giallo: nel circus era circolato un documento che assegnava la vittoria a Leclerc, tanto che nel box della Ferrari in molti avevano esultato. La comunicazione si è poi rivelata un fake: uno scherzo di cattivo gusto che aumenta l’amarezza del Cavallino Rampante.

Così il team principal Binotto a Sky: “Credo che Leclerc sia stato spinto fuori. Ma poco conta. Tutti si aspettano una F1 più spettacolare e oggi lo è stata. Ci rifaremo più davanti. Decisione figlia del Canada? La interpreto come un ‘in Canada avevamo ragione’. Consideriamo quella una nostra vittoria, oggi accettiamo la decisione. Battere i pugni sul tavolo? Non è nel nostro stile, noi dobbiamo farle cambiare in futuro e siamo attivi per questo”.

“Hanno impiegato tempo per decidere i commissari? Oggi non era facile. Vogliamo bene a questo sport e oggi andiamo avanti. Siamo dispiaciuti anche per la questione delle gomme. Nelle ultime tre gare abbiamo fatto due pole, stiamo facendo dei passi avanti e siamo convinti di aver preso la strada giusta. Affronteremo le prossime gare con lo stesso spirito”.

SPORTAL.IT | 30-06-2019 19:57

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...