,,
Virgilio Sport SPORT

Milan, Gattuso predica calma: "Gli stipendi arrivano in anticipo"

Gli altri sono problemi che non esistono, noi tocchiamo con mano che tutto funziona

Il tecnico del Milan Gennaro Gattuso alla vigilia della partita di Europa League contro il Ludogorets tranquillizza i tifosi sulla situazione finanziaria della società: “Preoccupato per la situazione societaria? No perché tutto funziona e tocco con mano. Arrivano stipendi in anticipo, Fassone e Mirabelli mi dicono che in cassa i soldi ci sono, la macchina organizzativa è perfetta. Se tutto va bene e niente ci manca, perché preoccuparsi? Per un giocatore i parametri sono due: stipendi e disorganizzazione. Si parla piuttosto di premi, Bonucci e gli altri si interfacciano con i dirigenti e Han Li. Gli altri sono problemi che non esistono, noi tocchiamo con mano che tutto funziona”.

Poi mette in guardia i suoi in vista della partita di giovedì: “Domani abbiamo tutto da perdere: sarà una gara che dovremo giocare con grande attenzione. Loro hanno giocatori molto veloci, sono pericolosi soprattutto in avanti. Sappiamo che loro possono metterci in difficoltà. Faremo riposare qualcuno ma, ripeto, dovremo stare molto attenti.Obiettivi? Dobbiamo pensare, come dico sempre, a partita dopo partita ma soprattutto dobbiamo sbagliare il meno possibile”.

I rossoneri partono dal 3-0 inflitto ai bulgari all’andata: “Quello dell’andata è stato un risultato bugiardo, nei primi 20/25 minuti abbiamo sofferto tantissimo, non è stata una partita ad alta intensità per noi, arrivavamo sempre sempre secondi sul pallone, siamo stati fortunati a trovare il gol a fine primo tempo. Non scopro io il valore del Ludogorets, hanno valori molto precisi, sanno palleggiare, sanno tenere bene il campo e sanno cosa fare, poi è vero che dietro soffrono un po’. Noi dobbiamo prepararci bene e mettere una squadra competitiva in campo, se pensiamo di aver già passato il turno sbagliamo. A me è successo da giocatore, sapete tutti come è andata a Istanbul, dobbiamo tenere i piedi per terra”.

Su André Silva: “Va fermato, due tre volte a settimana si ferma a calciare e provare altri movimenti, con la Samp si è visto quanto è forte. L’attaccante però vive per il gol e lui deve sbloccarsi, il resto c’è e ne siamo contenti. Non parla tanto, va stuzzicato e penso di saper entrare nella sua testa. Domani tocca a lui”.

Su Rodriguez: “Può fare molto di più, ha tutto per farlo: forza, tecnica, esperienza. Viene da una cultura diversa, ma ha una grande testa ed è molto umile. Non deve avere paura di far fatica, ha un motore importante, ma quando è stanco si accontenta e questo non deve succedere. Non sono io che faccio il mago, sono i numeri a dirlo, non io”.

SPORTAL.IT | 21-02-2018 17:25

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...