SPORT
  1. Home
  2. ESPORT

La tassa sui ricavi di Google tiene Fortnite fuori dal Play Store

Google non abbassa la tassa del 30% sulle App presenti sul Play Store di Android, facendo così continuare il braccio di ferro con Epic Games

Fortnite continua a non essere disponibile sul Play Store di Android. Il famoso videogame di Epic Games, infatti, pur essendo approdato da mesi sul sistema operativo mobile del robottino, non è ancora scaricabile dalla comoda applicazione. La ragione del contendere, probabilmente è la ‘tassa’ sui ricavi delle App che Google chiede su tutti i titoli presenti nel suo store: il 30%.

Il braccio di ferro Google-Epic Games continua

Le condizioni sono considerate notoriamente inique da Epic Games, che ritiene il 30% un’imposta decisamente alta, specie considerando il grande successo di Fortnite. È questo che ha portato lo sviluppatore a distribuire il suo titolo di punta tramite un client apposito distribuito sul proprio sito ufficiale. E, secondo alcune stime, a rimetterci è Mountain View. Google, infatti perderebbe circa 50 milioni di dollari dalla mancata presenza della Battle Royale sui suoi store ufficiali.

Una cifra enorme, che però non fa smuovere di un passo la grande G, che il suo 30% lo pretende tutto, tanto è vero che il suo amministratore delegato Sundar Pichai ha definito la percentuale un “valido scambio”, sottolineando che si tratti della tariffa standard applicata anche da Apple. Difficilmente si troverà quindi una soluzione a breve termine e, finché Google non ritoccherà quella quota, difficilmente Epic porterà Fortnite sul Play Store.

HF4 | 08-02-2019 15:00

La tassa sui ricavi di Google tiene Fortnite fuori dal Play Store
Gli screenshot di Fortnite, il videogioco del momento
Fonte: 123RF

SPORT TREND