,,

Virgilio Sport SPORT

Hamilton domina in Cina, in Ferrari scoppia la grana Vettel-Leclerc

Vittoria senza problemi per la Mercedes che cala la doppietta, gli ordini di scuderia di Maranello fanno discutere.

Va a Lewis Hamilton il Gran Premio di Cina 2019, gara numero 1000 della storia della Formula 1. Un vero e proprio dominio per l’inglese della Mercedes, che precede il compagno di squadra Valtteri Bottas per una nuova doppietta. Completa il podio la Ferrari di Sebastian Vettel, con Charles Leclerc quinto alle spalle di Max Verstappen su Red Bull e di nuovo rallentato da ordini di scuderia. Con la scia polemica che sicuramente non terminerà con la bandiera a scacchi sventolata da Alain Prost sul circuito di Shanghai.

Ancora una volta la partenza non è felice per il poleman, con Bottas che pattina e Hamilton che riesce agevolmente a sopravanzarlo già nella prima curva. Di fatto i giochi per la vittoria si chiudono già qui, mentre alle spalle delle Mercedes è anche Vettel a pagare le conseguenze dello spunto negativo del finlandese: alla sua destra c’è infatti il compagno Leclerc che a sua volta riesce a passare e si sistema tranquillamente in terza posizione. Alle loro spalle, a centro gruppo. invece Kvyat finisce a sandwich tra le due McLaren di Sainz e Norris e la monoposto di quest’ultimo si impenna. Entra la Safety Car, il russo sarà anche punito con un Drive Through e la gara si congela.

Alla ripartenza regolare della gara, Hamilton inizia a martellare in pista e semina Bottas, con le Ferrari che nemmeno riescono a tenere il passo del finlandese. Al giro 11 arriva quindi l’ordine di scuderia a Leclerc: “O vai più forte o fai passare Vettel”, e qualche istante dopo “Charles, fai passare Sebastian“. Il tedesco si ritrova quindi al terzo posto, con il suo compagno di squadra che non fa nulla per nascondere la propria frustrazione per la decisione del muretto. E al 15′ giro arriva la presa di posizione, netta, via Team Radio: “Non sto perdendo così tanto tempo. Non so se lo vogliate sapere o no”.

Le due Ferrari rimangono infatti appaiate, una dietro l’altra, e addirittura dopo i pit stop la Red Bull di Verstappen si ritrova tra le due Rosse e al 20′ passaggio azzarda il sorpasso su Vettel, che si difende costringendo l’olandese a mettere due ruote nell’erba. La nuova strategia di Maranello costringe Leclerc addirittura a ritardare notevolmente il pitstop finale (che arriva al 43′ giro, tra l’altro con gomme a mescola media), relegandolo a un quinto posto impossibile da migliorare.

Il finale (con la Ferrari che vara un “Piano B”) non migliora le prestazioni della Rossa, staccatissima dalle Mercedes anche con gomme dure (alla fine Vettel chiuderà a 7 secondi da Bottas, ora nuovamente secondo nella classifica mondiale dietro Hamilton) e con il tedesco del Cavallino che si vede scippare nel corso dell’ultimo giro anche il tempo più veloce della gara e il punticino supplementare che va a Pierre Gasly e alla sua Red Bull. Ma tra il dominio tecnico dimostrato dalla Mercedes (leader incontrastata della classifica costruttori) e le grane interne alla scuderia, i problemi per questa Ferrari non mancano.

Gran Premio di Cina 2019:

1. Lewis Hamilton (Mercedes)
2. Valtteri Bottas (Mercedes)
3. Sebastian Vettel (Ferrari)
4. Max Verstappen (Red Bull)
5. Charles Leclerc (Ferrari)
6. Pierre Gasly (Red Bull)
7. Daniel Ricciardo (Renault)
8. Sergio Perez (Racing Point)
9. Kimi Raikkonen (Alfa Romeo)
10. Alexander Albon (Toro Rosso)

SPORTAL.IT | 14-04-2019 10:02

Hamilton domina in Cina, in Ferrari scoppia la grana Vettel-Leclerc Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...