,,
Virgilio Sport SPORT

I Knicks giocano male. L'allenatore: "Tutta colpa di Fortnite"

Secondo David Fizdale il Battle Royale "è più duro da battere dei Boston Celtics"

Fortnite ancora al centro di polemiche nel mondo dello sport tradizionale. Questa volta il Battle Royale firmato Epic Games avrebbe fatto arrabbiare David Fizdale, l’allenatore dei New York Knicks, una delle 30 squadre di pallacanestro della NBA. Il team statunitense, infatti, starebbe attraversando un periodo di crisi, producendo risultati piuttosto negativi.

A generare questo momento decisamente ‘down’, non sarebbe la cattiva sintonia del gruppo; e nemmeno gli infortuni. Il colpevole, a detta del coach, sarebbe Fortnite. I Knicks, infatti, nella Eastern Conference hanno raggiunto un record negativo di 11-47: parliamo di una percentuale di vittorie dello 0,190%.

“Fortnite è il mio avversario principale in questo momento. Fortnite è più duro da battere dei Boston Celtics” – ha dichiarato Fizdale. Secondo l’allenatore i suoi giocatori rimarrebbero alzati la notte per giocare al titolo di Epic Games, arrecando danni al proprio organismo. Non solo. Le troppe ore ‘perse’ dietro al gioco, ridurrebbero i loro tempi di reazione, danneggiando le loro prestazioni sul campo.

Non ha tutti i torti Fizdale, visto che Kevin Knox e Mitchell Robinson hanno confessato di aver riscontrato una dipendenza da Fortnite e di essersi dovuti disintossicare. Per l’allenatore dei Knicks i suoi atleti non dovrebbero smettere del tutto di giocare al Battle Royale, anzi ha perfino proposto di unirsi a loro durante le partite.

Quello che il coach ha chiesto è sicuramente di ridurre la durata delle sessioni di gioco per non influenzare le loro performance sia durante gli allenamenti, sia durante le gare. Insomma, come è sempre consigliato in ogni ambito, il gioco deve essere responsabile.

HF4 | 26-02-2019 09:30

I Knicks giocano male. L'allenatore: "Tutta colpa di Fortnite" Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...