,,
Virgilio Sport SPORT

Mondiali 2018: Amnesty denuncia repressioni

"Sproporzionata reazione alle proteste contro 'fan zone'"

Amnesty international ha condannato il procedimento penale aperto dalle autorità russe nei confronti di Dmitry Petelin, lo studente colto a protestare contro la “zona tifosi” che aprirà in occasione dei Mondiali nei pressi dell’Università Statale di Mosca. Lo riporta l’Ansa.

“Gli studenti dell’università di Mosca hanno il diritto di esprimere la loro opinione su come viene utilizzato il territorio della loro università” ha dichiarato Denis Krivosheev, vicedirettore di International per l’Europa Orientale e l’Asia Centrale. In particolare gli attivisti fanno notare la natura sproporzionata del procedimento penale avviato per un caso di leggero vandalismo, che meriterebbe piuttosto una sanzione amministrativa.

“Un caso penale per vandalismo è stato aperto il 1° giugno nei confronti di Petelin per aver imbrattato un cartello pubblicitario con la scritta “No alla fan zone”, la zona che ospiterà concerti e eventi per tifosi durante i Mondiali. Attualmente lo studente rischia fino a tre anni di carcere.

SPORTAL.IT | 05-06-2018 11:42

Mondiali 2018: Amnesty denuncia repressioni Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...