SPORT
  1. Home
  2. CALCIO
  3. STORIE

Ibra: Non volevo lasciare il Milan, ecco la verità sul mio addio

Il bomber era sicuro che Galliani non l'avrebbe ceduto e fece di tutto per scoraggiare i francesi

Magari a gennaio torneranno insieme, visto che i rumours che parlano di un ritorno di Ibrahimovic al Milan non si sono mai fermati, ma quando fu il momento di dire addio per Zlatan fu una sorpresa ed un dolore. Tutti i retroscena del suo trasferimento al Psg vengono raccontati dallo stesso giocatore in un nuovo libro dal titolo Jag är Fotboll (“io sono il calcio) in cui vengono rivelate tante altre cose nuove dopo il successo della sua prima autobiografia “Io Ibra”. In particolare c’è un ampio passaggio relativo a quanto accadde nel 2012. Ibrahimovic era la stessa del Milan all’epoca e ricorda: “Galliani mi disse: ‘non preoccuparti Zlatan, non ti venderemo mai’. Qualche settimana dopo mi trovavo nella mia casa di Vaxholm in Svezia, stavo rientrando da un giro sullo Jetski quando trovo sul mio telefonino 5 chiamate non risposte provenienti da Mino Raiola. MI chiede di incontrarmi ma preferisco richiamarlo. “Ok -mi dice Mino – guarda che ti sta per chiamare Leonardo”. E io: “Leonardo chi?”. Poi d’improvviso realizzo: Leonardo, il ds del Psg. Allora rispondo a Mino: “ascolta, non risponderò alla sua chiamata. Galliani mi ha confermato che non sono in vendita”. E Mino seraficamente mi disse: “Lo so, ma ti hanno già venduto”.

L’ESCAMOTAGE FALLITO – Ibra però racconta di essersi infuriato e di aver fatto di tutto per far saltare il trasferimento: “Quando ho riparlato con Mino gli ho detto di rendere tutto diffcile al Psg. Che volevo mantenere il mio stipendio del Milan e che volevo che loro dicessero cose tipo ‘stai esagerando, chiedi troppo’. Volevo che si tirassero indietro. Perciò ho detto a Mino di scrivere tutte le mie richieste. Ho fatto una lista lunga e quando ho finito ho detto alla mia compagna Helena: ‘vedrai che non accetteranno, è impossibile”. Venti minuti dopo, Mino mi richiamò e disse: “Hai tutto quello che hai chiesto”. Dopo di tutto questo, non è stato possibile tornare indietro, quindi gli ho detto “ok, prepara tutto”. Sono un uomo di parola. Quando dico qualcosa, lo faccio “. Ibra è rimasto 4 anni al Psg segnando 156 gol in 180 partite. Ma chissà che la storia col Milan non possa avere un finale diverso.

SPORTEVAI | 06-11-2018 12:50

Ibra: Non volevo lasciare il Milan, ecco la verità sul mio addio Fonte: Ansa

SPORT TREND