,,
Virgilio Sport SPORT

Il Bologna stende il Verona e ipoteca la salvezza

Hellas battuto con le reti di Verdi e Nagy

Tre punti d’oro per il Bologna che fa pace col suo pubblico, tanta amarezza per l’Hellas Verona sconfitto per 2 a 0 davanti a 19172 spettatori di cui 580 tifosi scaligeri. I rossoblù di Donadoni ritornano al successo che li proietta a 38 mentre quelli di Pecchia rimangono a 25. Buona parte del risultato è frutto delle disattenzioni veronesi e dell’imprecisione sotto porta di Cerci e compagni. Prossimo turno: Verona-Sassuolo (mercoledì 18 aprile ore 20,45), Sampdoria-Bologna (mercoledì 18 aprile ore 20,45).

Primo tempo. Inizio di marca rossoblù, gli emiliani inchiodano i gialloblù nella propria metà campo anche se la retroguardia scaligera non mostra sbavature. Prima Nicolas è costretto ad uscire dai pali per sventare, quindi la il diagonale di Verdi dal limite finisce a lato di un niente. 13’: Palacio, gran servizio rasoterra per l’accorrente Dzemaili, pronta la conclusione, altrettanto la parata in angolo di Nicolas. Ammonito Caracciolo, salterà Verona-Spal. Il Bologna prova da ogni posizione, fortuna per l’Hellas che la palla finisca spesso e volentieri a lato. Gli scaligeri si fanno vedere, per la prima volta, al 19’: Ferrari in percussione sulla destra, centro da dimenticare. Ammonito anche Pulgar tra i rossoblù. Cerci spreca una punizione dalla sinistra, facendo comunque salire la squadra ospite. Il Verona riequilibria la gara ma alla mezzora Verdi è atterrato al limite da Fares: punizione, batte lo stesso Verdi che sorprende Nicolas sul suo palo, realizzando l’1 a 0 per il Bologna. L’Hellas reagisce: gran numero di Cerci che supera un paio di difensori appena dentro l’area sulla sinistra, il suo tiro finisce sull’esterno della rete. Quindi i rossoblù controllano i veronesi che rischiano di subire il raddoppio con Palacio al 43’ e Pulgar, Nicolas stavolta c’è. Un minuto di recupero e tutti negli spogliatoi.

Secondo tempo. Il Verona entra in campo con altro piglio. Al 7’ Romulo sciupa clamorosamente, calciando alle stelle da ottima davanti a Mirante. L’Hellas ha il pallino del gioco ma i rossoblù con palla a Verdi diventano improvvisamente pericolosi. 11’: battuta secca del centravanti, palla a lato di un soffio. Troppi gli errori nell’ultimo passaggio per i gialloblù contro un Bologna che sembra mettere i remi in barca. Donatoni, allora, sostituisce Pulgar con Criseting. Nel Verona fuori l’esausto Cerci con Pektovic, ex rossoblù. All’uscita lo stesso Cerci chiede il perché della sostituzione a Pecchia. Altro cambio nel Verona: fuori Romulo per Lee. Due cambi, quelli del tecnico del Verona, l’uscita di Romulo e Cerci, che lasciano più di una perplessità. Tant’è che il Bologna sfiora il raddoppio con uno stacco prepotente di Palacio, palla appena sopra la traversa. Si prosegue su questa falsariga, il Bologna a difesa dei propri 16 metri, pronto a ripartire; il Verona incapace di imbastire trame in grado d’impensierire Mirante che non ha effettuato alcuna parata. Il Bologna inserisce Nagy per Poli. Lee cade in area emiliana, l’arbitro lascia correre. 35’: Fossati batte una punizione dalla destra, pericolo in area rossoblù ma Helander spazza via e Pektovic spreca. Nicolas, sull’altro fronte, salva nuovamente i gialloblù, deviando in angolo la botta di Dzemaili. Dentro Matos per Fossati nel Verona, carta della disperazione per Pecchia. Nel Bologna Donadoni inserisce Di Francesco per Palacio. 43’: primo intervento del portiere rossoblù, botta di Lee dal limite, Mirante devia. Quattro minuti di recupero, Fares sfiora il pareggio con una conclusione a giro che si spegne a lato di un niente. Il Verona finisce in attacco. Angolo al 48’, nulla di fatto. Sull’altro fronte Adam Nagy realizza il definitivo 2 a 0.

SPORTAL.IT | 15-04-2018 14:39

Il Bologna stende il Verona e ipoteca la salvezza Fonte: 123RF

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...