,,
Virgilio Sport SPORT

Il Milan perde partita e testa, il Torino vede la Champions

Belotti e Berenguer stendono il Diavolo, con Romagnoli espulso: sono entrambe a -2 dalla Roma.

Torino-Milan 2-0 somiglia a un passaggio di testimone, con i granata che raggiungono il Diavolo a quota 56 punti, solo 2 meno della Roma quarta, e ora vedono il traguardo Champions distintamente a portata di mano. L'attuale posizione in classifica è la quinta, in coabitazione con un Milan che però sembra aver davvero finito la benzina. E ha gli stessi traguardi nel mirino, senza dare però l'impressione di avere le forze per provare a raggiungerli.

Il Torino parte meglio, soprattutto nei primissimi minuti. La prima grossa occasione nasce dalla fascia sinistra con Berenguer che crossa, ma sul palo opposto De Silvestri non riesce a rimetterla in mezzo nel migliore dei modi. Il Milan si vede con una conclusione improvvisa di Calhanoglu, Sirigu respinge di pugno e immediatamente Belotti riparte in contropiede, costringendo addirittura Suso a stenderlo beccandosi il giallo. Il Milan soffre, come dimostrano i tre ammoniti in meno di un quarto d'ora (oltre a Suso vengono sanzionati Conti e Paquetà, costretto a stendere Rincon che era piombato su una respinta tutt'altro che perfetta di Donnarumma). La fase di grande pressione del Toro si conclude con una punizione a due che manda al tiro Ansaldi, con pallone a lato di pochissimo.

Il Milan poi prende campo, ma non riesce a sfondare tra le maglie della difesa schierata da Mazzarri: il primo vero tiro arriva quindi alla mezz'ora, ma Sirigu para su Suso. Poi i granata si rendono di nuovo pericolosi, ancora una volta con il servizio a tutto campo da Berenguer a De Silvestri, poi con uno schema che manda al tiro Belotti. Solo nel finale di tempo il Milan fa fruttare il suo possesso palla: Cutrone trova un bel corridoio per Calhanoglu, Sirigu però capisce tutto, esce con i tempi giusti e blocca il pallone.

Nella ripresa i ritmi si alzano e Mazzarri viene espulso per proteste (avviene dopo una trattenuta ai danni di Izzo da parte del già ammonito Suso). Ma il Torino anche senza il suo condottiero si porta in vantaggio: dopo un cross dalla sinistra Kessié appoggia una mano su Izzo in area e Guida concede il rigore al Torino. Sul dischetto si presenta Belotti, che al 58' trasforma. Il Milan però prova subito a reagire, ma si schianta contro la traversa colpita da Bakayoko al 67' (con pallone che poi danza pericolosamente davanti a Sirigu che solo dopo diversi rimpalli riesce a farla sua). Passano solo due minuti e al 69' Berenguer trova il jolly che vale lo straordinario 2-0 del Torino: cross di Ansaldi allontanato da Musacchio, sul pallone piomba il centrocampista spagnolo che libera un destro pazzesco, su cui Donnarumma non può arrivare.

Nel finale si scatena la rabbia del Diavolo ferito, con Romagnoli che applaude l'arbitro Guida e viene espulso, giallo nel finale anche per Donnarumma e Kessié (quest'ultimo per scorrettezze con Parigini), poi Bakayoko (sfortunatissimo e tra i pochi rossoneri da promuovere) sfiora di nuovo il gol in extremis. Ma finisce 2-0 e il Milan ha davvero molto poco da salvare.

SPORTAL.IT | 28-04-2019 22:41

Il Milan perde partita e testa, il Torino vede la Champions Fonte: 123RF

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...