Virgilio Sport

Inter, la carica di Conte: nuovo attacco ai media

L'allenatore nerazzurro ha parlato alla vigilia della partita contro il Real Madrid: "Vincere è l'unico modo per mettere a tacere le scemenze".

24-11-2020 14:30

Un anno dopo, l’Inter è ancora costretta a rimontare nel girone di Champions League. Nel 2019 la qualificazione sfumò all’ultima giornata, ora dopo aver raccolto due punti nelle prime tre partite i nerazzurri non hanno opzioni differenti che provare a vincere le gare che avanzano. Con undici punti sarebbe passaggio del turno certo, ma anche solo un’altra sconfitta sarebbe fatale.

Antonio Conte è consapevole di tutto questo, come espresso durante la conferenza stampa di vigilia della gara di San Siro contro il Real Madrid: “Per noi rappresenta una finale, perché dopo la sconfitta all’andata e i due pareggi precedenti non abbiamo tante vie di scampo. Per passare dovremo fare nove punti o non meno di sette. Sappiamo che ci aspetta una partita difficile contro un avversario forte, ma sappiamo anche che se vogliamo possiamo. L’abbiamo dimostrato all’andata. Siamo nel girone più difficile di tutta la Champions, ma possiamo starci dentro”.

Si torna in campo tre giorni dopo la rocambolesca rimonta contro il Torino, cui è seguito un altro sfogo di Conte contro i media: “Che si cerchi a prescindere di negativizzare tutto è un dato di fatto del quale ci eravamo già accorti l’anno scorso. Quando giochi in squadre importanti, con questo blasone, bisogna sapere che o tutto è bello o tutto è brutto, sennò si va in squadre medie e basse e si vive tranquilli. Non c’è la via di mezzo. Questo ci deve dare ancora più forza e bisogna capire che l’unico modo per non andare in pasto a speculazioni, critiche, chiacchiere e scemenze, è rispondere sul campo. Ad ogni modo il salto di qualità dobbiamo farlo, anche perché ci si aspetta tantissimo da parte nostra. Ci dobbiamo assumere tutti le nostre responsabilità: io, il club e i giocatori”.

Conte ha poi dato un indizio sulla formazione prima di fornire una spiegazione sugli approcci alle partite troppo spesso deludenti: “Il tridente Lautaro-Lukaku-Sanchez potrebbe essere una soluzione in più a partita in corso o contro squadre di livello inferiore. Siamo già una squadra abbastanza offensiva, con esterni che sono più delle ali. Abbiamo centrocampisti con caratteristiche molto più offensive che difensive, tre attaccanti sarebbero molto difficili da sopportare”.

“Spesso e volentieri l’anno scorso partivamo col piglio giusto, quest’anno abbiamo spesso affrontato avversari molto chiusi. Per questo è aumentato il nostro possesso palla, ma ci vuole più pazienza”.

Inter, la carica di Conte: nuovo attacco ai media Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...