Virgilio Sport

Inter, la rabbia di Conte: nuovo attacco ai media

L'allenatore salentino torna a parlare dopo l'eliminazione dalla Champions League: "Delusione cocente, ma non prestiamo il fianco a chi vuole distruggerci".

12-12-2020 14:45

La Champions League si è dimostrata una chimera per l’Inter anche sotto la gestione Antonio Conte. Due eliminazioni su due alla fase a gironi rappresentano un durissimo colpo per le ambizioni del tecnico salentino e anche per le casse della società in particolare nell’epoca del Coronavirus.

Ora però occorre ripartire con la vittoria dello scudetto come unico obiettivo possibile.

Alla vigilia della partita contro il Cagliari, però, Conte ha parlato anche di questo, soffermandosi sugli obiettivi fissati dalla società in estate: “Io ho intrapreso questo percorso e la proprietà è stata molto chiara. Mi ha parlato di un percorso di crescita, di valorizzazione, di aiutare questi prospetti di top player a diventare tali. La proprietà è stata molto chiara ad agosto anche con i dirigenti, dicendo che sarebbe stata una situazione molto difficile a livello finanziario, per il Covid, e che ci sarebbe stato un rallentamento. E che saremmo dovuti essere uniti, continuando nel percorso dell’anno precedente”.

“L’uscita dalla Champions League è stata dolorosa per me e i calciatori. Avevamo rimesso in piedi una situazione che dopo la sconfitta con il Real Madrid era diventata molto difficile, quindi dispiace uscire in questa maniera non riuscendo a fare gol. Ma ora bisogna metabolizzare e alzare la testa. Il morale non è alle stelle, è giusto ci sia dolore per l’uscita, ma sappiamo che bisogna affrontare subito una partita nella migliore maniera possibile”.

Poi però arriva un altro articolato attacco ai detrattori, pur senza fare nomi: ” Vedo troppa negatività. Non prestiamo il fianco a chi in questo momento sta godendo e spera che si distrugga quel che stiamo cercando di fare da un anno e mezzo, a chi vuole distruggere perché vede che ci possono essere dei frutti in futuro. Chi vuole il male dell’Inter cerca la distruzione. Noi cerchiamo di costruire perché vogliamo il bene dell’Inter”.

“Bisogna restare compatti e uniti, sapendo che in questo percorso iniziato lo scorso anno siamo arrivato al secondo posto e a una finale di Europa League, più una semifinale di Coppa Italia. Siamo tornati ad avere una credibilità, con la valorizzazione importante di alcuni giovani. Bisogna avere fiducia, capisco l’impazienza dopo dieci anni ma bisogna capire che quando riparti dalle fondamenta serve tempo. Fatte quelle puoi costruire un grattacielo, come si meritano i tifosi dell’Inter”. 

Inter, la rabbia di Conte: nuovo attacco ai media Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...