SPORT
  1. Home
  2. CALCIO

Inter, nostalgia Triplete come carica per il derby

Tifosi impazziti, il popolo nerazzurro vuole rivivere quelle emozioni a partire da domenica prossima

Nostalgia canaglia. Guardi e riguardi le immagini dell’anno del Triplete e se sei tifoso dell’Inter è impossibile non versare lacrimoni. Di gioia, certo, ma anche di rimpianti per quello che c’è stato e poi da allora non s’è più rivisto. Il Festival dello sport che ha portato alla celebrazione dell’anno magico dei nerazzurri di Mourinho è stata la miccia perfetta per accendere la settimana del derby. Domenica prossima c’è il Milan e San Siro sarà tutto esaurito per una gara che deve dire se l’Inter di oggi può tornare a salire – piano, piano, certo ma senza intoppi – ai vertici come quella che fu. I tifosi ci sperano, battere i rossoneri sarebbe la prova che l’Inter è guarita dal male oscuro di inizio stagione, che Spalletti sta eliminando difetti vecchi e nuovi e sta forgiando una squadra capace di creare un ciclo vincente. Proprio come quella di Mourinho.

I PARAGONI – Così vedi Milito, che si dice ottimista e spinge per la coppia tutta argentina là davanti, e rivedi in Icardi il bomber perfetto. Maurito come il Principe, il centravanti di ieri e quello di oggi uniti dalla nazionalità e dal fiuto del gol ma perchè non sperare che Icardi non possa alzare al cielo anche lui un trofeo quanto prima? Poi ascolti Julio Cesar e rivedi Handanovic: guantoni d’oro per una porta da blindare. Deliri pensando a Materazzi ed ecco spuntare la grinta di Skriniar, difensore implacabile ma anche goleador all’occorrenza. Guardi le sgroppate poderose di Maicon e speri di ritrovarle in Asamoah, hai negli occhi la leadership di Javier Zanetti e ti chiedi chi possa raccoglierne il testimone: forse Nainggolan? O lo stesso Icardi?

IL DERBY – Il presente però è ancora un’altra cosa. Spalletti sa che nella prossima settimana si gioca buona parte del bonus accumulato finora: fiducia, speranza e obiettivi. Tre partite da far tremare i polsi, contro Milan, Barcellona e Lazio ma la prima è quella che veramente conta doppio. Il derby della Madonnina sarà anche meno sentito rispetto a Roma o a Genova ma è e resta la partita che nessun interista vuol perdere. E se negli occhi hai ancora l’esultanza di Madrid, la gioia per scudetto e coppa Italia, l’apoteosi di Mourinho, i gol di Milito, beh ecco che questa partita arriva al momento giusto per riverniciare quei colori e far volare l’Inter.

SPORTEVAI | 13-10-2018 11:30

Inter, nostalgia Triplete come carica per il derby Fonte: Facebook

SPORT TREND