Virgilio Sport

Inter, Spalletti suona l'allarme: "Due non restano l'anno prossimo"

Il tecnico nerazzurro è realista e avvisa: "Icardi non deve rimanere controvoglia".

Pubblicato:

Inter, Spalletti suona l'allarme: "Due non restano l'anno prossimo" Fonte: 123RF

Luciano Spalletti in conferenza stampa ha parlato del mercato estivo dell’Inter, con un certo realismo. Il Biscione ha già preso a parametro zero De Vrij, Asamoah, oltre a Lautaro Martinez dal Racing Avellaneda, ma difficilmente riuscirà a riscattare Rafinha e Cancelo.

“La società si è già mossa, e bene. Poi bisogna far tornare dei conti, per rispettare certi paletti. Il calcio è cambiato, col Var se ti danno un calcio di rigore si può tornare in dietro, prima no. Così ci sono regole da rispettare, la proprietà precedente aveva firmato un patto con l’Uefa e noi dobbiamo rispettarlo. Prima di fine mese noi dobbiamo fare tornare i conti e dunque risanare la società nei modi previsti, coi numeri a posto. Poi scatta la nuova stagione e si possono fare altre cose, ma prima occorre far bene quello che sta scritto nei patti con l’Uefa. E allora dico questo: in questo momento Cancelo e Rafinha non si possono riscattare. Poi vedremo in un secondo momento che cosa si potrà fare. Questa è la realtà. Poi, ripeto, vedremo cosa si potrà fare in seguito”.

La situazione di Icardi: “Dipende da cosa gli propone il mercato, non ha senso trattenere un giocatore controvoglia. So che non è il suo caso, a lui l’Inter piace e molto, ma non si possono negare esperienze diverse a un professionista”.

Per ora l’allenatore toscano rimanda ogni ipotesi di rinnovo: “Per quanto mi riguarda, ho un contratto ancora per una stagione, il contratto lo si costruisce giorno per giorno e a me non interessa avere lo stipendio assicurato. Se noi avessimo continuato a non vincere come è accaduto in inverno, il mio contratto non avrebbe avuto senso”. 

“Il ritorno di Ancelotti è una certificazione alla qualità e alla crescita del calcio italiano che c’è stata. Sarà un motivo di piacere riaverlo a fianco in panchina e c’è anche un po’ di orgoglio: e’ un nostro prodotto, un italiano che ha fatto il bene del calcio italiano in giro per il mondo e siamo contenti che torni a far parte di noi”.

Poi i complimenti alla Lazio sconfitta: “La Lazio è rimasta fuori dalla Champions, loro si meritavano un posto extra large durante tutto l’arco del campionato… Poi c’è stato il cuore, c’è stata la fortuna, l’equilibrio del campionato ci ha portato allo scontro diretto… La Lazio è squadra di valore, di rango, è cresciuta tanto e questo rende merito a quello che abbiamo fatto”.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...