Virgilio Sport

Inter, ufficiale l'esonero di Spalletti: arriva Conte

Il club nerazzurro ufficializza l'addio del tecnico toscano.

30-05-2019 10:52

Inter, ufficiale l'esonero di Spalletti: arriva Conte Fonte: 123RF

L’Inter con uno stringato comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale ha annunciato l’esonero di Luciano Spalletti.

“FC Internazionale Milano comunica che Luciano Spalletti non ricopre più il ruolo di allenatore della Prima Squadra. Il Club ringrazia Spalletti per il lavoro svolto e per il percorso compiuto insieme”, è la nota pubblicata dal club nerazzurro.

Queste le parole del presidente Steven Zhang: “Un allenatore, un maestro, un amico. Hai sempre dato il massimo, che ci fosse la pioggia o il sole. Questi 2 anni di avventura significano tanto per l’Inter e per me personalmente. Non dimenticheremo mai la tua dedizione verso questa squadra e ti ringraziamo tutti dal profondo del cuore. Una volta che sei stato l’allenatore dell’Inter, sarai sempre il mio allenatore. Grazie, mister Spalletti”.

Può prendere così il via ufficialmente l’era di Antonio Conte: il tecnico leccese ha firmato un contratto di 3 anni a 9 milioni netti più bonus a stagione. Sarà ufficializzato venerdì, ma in verità da settimane sta lavorando gomito a gomito con Beppe Marotta per costruire l’Inter della prossima stagione.

Per ora non sono previste presentazioni, la prima uscita pubblica è in programma sabato sera, quando al fianco di Marotta e Zhang sarà in tribuna al Wanda Metropolitano ad assistere alla finale di Champions League tra Liverpool e Tottenham.

Spalletti, approdato sulla panchina dell’Inter nel 2017, in due stagioni ha ottenuto due quarti posti, vincendo 40 partite sulle 76 disputate in campionato. Per lui anche 15 sconfitte nella massima serie.

In questa stagione ha dovuto gestire lo spinoso caso Icardi: una situazione che Antonio Conte intende risolvere subito.  Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, non c’è spazio per il bomber argentino nell’Inter ideata dal tecnico salentino, che ha chiesto la sua cessione in estate.

La decisione non è arrivata sulla base di ragionamenti tecnici o di palmarés, ma per una questione puramente morale: la squadra viene sempre prima del singolo, e Conte, che su questo non transige, con la sua cessione vuole dare un messaggio al resto dello spogliatoio.

La missione di Ausilio e Marotta sarà quindi ora quella di cercare in fretta un acquirente per l’albiceleste, in modo da cederlo prima del giorno del raduno il prossimo luglio

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...