,,
Virgilio Sport SPORT

Juve ossessionata dalla Champions, Sarri no

"E’ il top, ma le favorite sono le inglesi" assicura il tecnico bianconero.

Le due finali perse con Massimiliano Allegri bruciano ancora ai tifosi della Juventus, che sperano di poter vincere la Champions League con Maurizio Sarri al timone. Il tecnico bianconero, però, non vuole che il trofeo diventi un’ossessione e cerca anzi di togliere pressione ai suoi ragazzi:  “La Champions può dipendere da tremila fattori tra cui il caso: gli episodi possono rivelarsi fondamentali”.

“Mi aspetto un buon risultato con il Bayer Leverkusen, può essere importante per la qualificazione nel gruppo. Per un tecnico e un giocatore, la Champions è il top. Il primo pensiero deve essere andare in campo per le gare più importanti d’Europa, ci devono essere soddisfazione e allegria. Non vorrei prevalesse senza senso la pesantezza” aggiunge Sarri.

“Adesso è difficilissimo che un’italiana sia la favoritissima per la Champions, per me sono le inglesi adesso per i motivi che tutti conosciamo. Vediamo d’alleggerire il clima di pressione che aleggia intorno a queste gare” l’appello del toscano.

Non è ancora il momento di pensare all’Inter, prossima avversaria in campionato. “Se hai le idee chiare sul Bayer non puoi pensare all’Inter – assicura l’ex timoniere del Napoli -. E’ a -1 dal Bayern, hanno i migliori valori fisici della Bundesliga e mi hanno sorpreso per facilità di palleggio. Sarebbe un errore clamoroso proiettarsi oltre martedì”.

“A Brescia abbiamo fatto meglio che contro la Spal, le ‘Rondinelle‘ hanno dimostrato anche ieri di essere in salute. Al di là delle partite, quello che mi lascia sereno è che vedo voglia d’applicazione durante gli allenamenti. Mi lascia pensare che siamo destinati a migliorare, è anche aumentata la facilità di palleggio”, dice inoltre Sarri.

La chiusura è sul numero di palle gol non capitalizzate fino a oggi. “Nelle ultime due gare abbiamo fatto solo quattro gol su ventuno occasioni. Non vorrei ci mancasse cattiveria in area avversaria, serve lavorare e migliorare su questo. Il dato di 4 gol in 21 occasioni deve far riflettere: è da monitorare”.

SPORTAL.IT | 30-09-2019 15:43

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...