,,
Virgilio Sport

Juventus: da Maurizio Sarri novità su De Ligt

Il tecnico ha parlato del centrale durante la conferenza stampa.

11-01-2020 15:28

Juventus: da Maurizio Sarri novità su De Ligt Fonte: 123RF

E’ iniziata con gli elogi agli avversari la conferenza stampa di Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro la Roma: “Già a inizio stagione avevo indicato Fonseca tra le rivelazioni della stagione, perché l’avevo seguito quando era allo Shakhtar e mi piaceva. Mi aspettavo che desse una bella impronta alla Roma, sta lavorando bene nonostante i tanti infortuni, è un allenatore di grandissimo livello”.

“Sarà una partita difficile, diversa rispetto a quella con il Cagliari. La Roma è una squadra che strappa nel momento in cui riconquista la palla, che si allunga e fa allungare gli avversari, nei continui capovolgimenti diventa pericolosissima, quindi il rischio è farsi tagliare in due tronconi. Ed è quello che dobbiamo evitare“.

Novità, poi sulle condizioni di De Ligt: “Matthijs sta meglio, l’acciacco al pube è in fase di risoluzione, speriamo di risolvere velocemente anche quello alla spalla, ma la sensazione è che stia tornando ai suoi livelli“.

“Quando giochiamo con Dybala e Cristiano Ronaldo abbiamo qualità tecniche straordinarie – ha sottolineato Sarri -, ma è chiaro che ci manca un po’ di presenza al centro, dobbiamo migliorare nell’attaccare quello spazio con altri. Higuain risolve quel problema, ma il potenziale resta comunque alto con qualsiasi soluzione. Ramsey può farlo bene, ma chiunque può trovare spazi: poi c’è chi è più portato per caratteristiche come Khedira, ma abbiamo giocatori come Rabiot che possono migliorare molto, anche perché hanno le doti per farlo”.

“Finora abbiamo cercato la continuità all’interno delle partite perché avevamo troppi impegni ravvicinati, ora dobbiamo cercarla invece nel periodo e proseguire in quello che di buono che abbiamo fatto con il Cagliari. Le rotazioni poi verranno naturali con tre partite in una settimana. Prima mi dicevano che non cambiavo mai, ora che lo faccio troppo… A Napoli era necessario dare continuità quindi giocavo sempre con gli stessi, qui possiamo fare in maniera diversa e al Chelsea pure era così. Se cambio due o tre di giocatori si può modificare qualcosa per caratteristiche dei giocatori, ma non di filosofia di gioco. Con otto-nove nuovi allora qualcosa cambia” ha concluso il tecnico della Juventus.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...