,,
Virgilio Sport SPORT

Juventus, il derby è tuo: basta Alex Sandro, Torino furioso

La stracittadina va ai bianconeri: termina 0-1, con qualche polemica per uno scontro tra l'assistman Bernardeschi e Ansaldi.

Torino-Juventus è terminata 0-1, con i bianconeri che sono riusciti ad aggiudicarsi il derby e a mandare un nuovo messaggio al Napoli: nonostante le assenze anche importanti difficilmente i campioni d’Italia in carica sbagliano un colpo. Per fissare il risultato è bastata la rete di Alex Sandro al 33′, poi i bianconeri (rimasti privi di Higuain dopo un quarto d’ora con Mandzukic già out) hanno semplicemente controllato l’incontro e portato a casa i tre punti.

La Juve, partita con una formazione ampiamente rimaneggiata soprattutto in avanti (assente Mandzukic, Bernardeschi e Dybala in panchina), è partita con l’anomalo tridente composto da Higuain e Douglas Costa e Alex Sandro ai suoi lati. Già al quarto d’ora, però, ha dovuto rinunciare anche a Higuain: problema alla caviglia per il Pipita dopo uno scontro di gioco con il portiere granata Sirigu. Al suo posto è quindi entrato Bernardeschi, per un attacco leggero ma comunque efficace quanto basta.

Nei primi minuti (dopo l’occasione di Higuain con tanto di scontro con Sirigu) sono arrivate palle gol per entrambe le squadre: al 22′ Asamoah ha tirato a botta sicura (decisivo l’intervento di De Silvestri), poi è cresciuto il Torino, pericoloso al 26′ con Belotti (destro in spaccata sull’esterno della rete) e al 28′ con De Silvestri (incornata su servizio di Iago Falque, pronto Szczesny). Poi la Juventus è cresciuta e ha punito i cugini.

Al 32′ Pjanic ha cercato le prove generali del gol su calcio di punizione (bravo Sirigu), al 33′ è stato Alex Sandro a trovare la rete del vantaggio bianconero depositando nel sacco con il tap-in il pallone crossato al centro da Bernardeschi. Sontuosa la giocata sulla fascia dell’ex giocatore della Fiorentina, abile a saltare secco Molinaro. Vibranti però le proteste di Mazzarri e dei suoi uomini per un contatto dello stesso numero 33 della Vecchia Signora su Ansaldi nelle fasi iniziali dell’azione: dopo qualche istante di esitazione il Var ha convalidato il gol. Quindi nel finale di tempo è stato N’Koulou a fermare Douglas Costa prima che l’ex Bayern Monaco potesse fare male.

Nella ripresa la Juventus è riuscita a impostare la partita nella maniera più comoda possibile: controllando il risultato e spaventando gli avversari con qualche improvvisa fiammata. A nulla sono serviti gli ingressi in campo di Niang (per Baselli) e Edera (al posto di De Silvestri). Anzi, è stata la Juve a rendersi pericolosa con Dybala, entrato dopo l’ora di gioco al posto di Douglas Costa. Il tiro della Joya non ha però centrato la porta.

Nell’ultimo quarto d’ora si è registrato solo un tiro sballato di Molinaro dalla distanza. Poi la Juventus ha agevolmente portato a casa i 3 punti, nell’attesa del Napoli impegnato nella sfida casalinga con la Spal della domenica pomeriggio.

SPORTAL.IT | 18-02-2018 14:35

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...