,,
Virgilio Sport SPORT

Juventus, l'ex allenatore demolisce i bianconeri

Gigi Maifredi, tecnico della Juve 1990-91, ha aspramente criticato la gestione tattica della partita contro il Sassuolo.

"Neanche in seconda o in terza categoria si prende un gol come il secondo preso dalla Juve ieri". Sono pesanti le dichiarazioni di Gigi Maifredi, allenatore della Juventus nella stagione 1990-91, che ha commentato ai microfoni di 'Tmw Radio' la prestazione dei bianconeri contro il Sassuolo, un 2-2 che è costato la testa della classifica alla squadra allenata da Maurizio Sarri, almeno per il momento.

In particolare, Maifredi si è concentrato sulle parole a fine partita dello stesso Sarri, che aveva parlato di "pochi stimoli": "Le parole dette dopo la partita sono sempre di convenienza – ha detto Maifredi -, conta quello che un allenatore dice nello spogliatoio alla squadra. E' vero, c'è stata un po' di sfortuna, ma la prestazione della Juventus contro il Sassuolo non è stata affatto buona".

Le critiche si sono poi rivolte alla gestione di uno dei fuoriclasse bianconeri, l'argentino Paulo Dybala: "Ognuno ha le proprie idee – ha detto l'ex allenatore bresciano -. Io non lascerei mai fuori Dybala, mai. I fuoriclasse sono un valore aggiunto, non una singola parte della squadra".

Sul momento 'no' di Cristiano Ronaldo, e su una sua possibile parabola discendente, Maifredi ha aggiunto: "Ronaldo non è un robot, se lo scegli devi accettare alti e bassi. La sua flessione è dovuta al fatto che non si senta più il leader indiscusso. Se dovessi fare io la formazione, metterei comunque prima Dybala e Ronaldo e poi tutti gli altri".

L'ex allenatore bianconero ha poi espresso un suo pensiero sulla prossima avversaria della Juventus, la Lazio allenata da Simone Inzaghi che, tra l'altro, sfiderà la stessa Juve prima di Natale per la conquista della Supercoppa Italiana: "La Lazio gioca molto bene, ha giocatori che sanno toccare la palla come Correa e Luis Alberto, poi c'è Immobile che è pazzesco, fa gol in tutte le maniere e quando meno te lo aspetti. La Juve per potenziale è superiore, ma non si sa mai".

Non è mancato, alla fine, un pensiero sulla sua personale esperienza in bianconero, ricordata senza particolare entusiasmo dai tifosi: "Io ho fatto benissimo alla Juve – ha chiosato Maifredi -, perché se qualcuno va a rivedere le statistiche, era una società in transizione e mi stavo giocando comunque il campionato. Poi alla fine non è andata bene, ho peccato anche io".

SPORTAL.IT | 02-12-2019 12:27

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...