,,
Virgilio Sport SPORT

Keita vuol battere un colpo E Spalletti vuole 11 Borja

Il tecnico nerazzurro contro la Spal vuole vedere in tutti lo spirito indomito dell'evergreen spagnolo

Undici-undici-undici Valero. Potrebbero cantare così i tifosi dell’Inter stasera, nella gara con la Spal, per spingere i nerazzurri alla quarta vittoria di fila. In campo, di Borja Valero, ce ne andrà uno solo – per sostitituire l’acciaccato Brozovic – ma l’indicazione della vigilia fatta da Spalletti era stata chiara. “E’ chiaro che vedere Borja Valero, che ha 45 anni e con quel passato sta fuori 4-5 partite, si allena sempre al massimo e poi quando gioca fa la differenza in 5′ mi viene da dire che più Borja Valero abbiamo come voglia, qualità di essere dentro la partita e mettere l’Inter davanti a tutto e più riusciremo a fare una strada importante”. Undici Borja per non mollare la presa, per non sentirsi arrivati, per considerare l’impegno con la Spal importante come uno di Champions. Che abbiano messo o meno la musichetta dei campioni nei loro smartphone per caricarsi, quel che conta per Spalletti è che l’Inter arrivi alla sosta con tre punti e più autostima in più, per avere più respiro per continuare a sperimentare nuove soluzioni, a inserire gli ultimi arrivati e a cambiare lo spartito a seconda di chi c’è.

CHI MANCA? – Stasera ad esempio c’è Keita, che smania per iscriversi alla cooperativa del gol nerazzurro. Prima o poi Icardi, che in Champions sta facendo il trascinatore ma che in campionato è fermo a un gol, prenderà il largo ma se finora la squadra sta lassù lo si deve alla distribuzione dei gol tra tutti o quasi. Hanno segnato i difensori come De Vrij e Skriniar, i centrocampisti come Brozovic e Vecino, gli esterni come Politano e Perisic e gli attaccanti come Lautaro Martinez. Stasera don Luciano farà l’appello e dirà il nome di Keita, il senegalese vuol rispondere presente. Nei giorni scorsi ha fatto proclami impegnativi, rivelando di voler entrare nella storia del club, ed è arrivato il momento di passare ai fatti. Non è solo colpa sua se finora, nelle due circostanze in cui è stato chiamato in causa, ha reso al di sotto delle aspettative.

IL VECCHIO RUOLO – Contro Bologna e Parma ha giocato da falso nove e non da esterno, ruolo dove si esibirà stasera contro la Spal. Non è un vice-Icardi e in quella posizione non può far valere la sua velocità e la sua progressione. L’ha fatto in passato, e anche bene (un celebre derby nel 2017) ma il meglio di sé lo dà sulla fascia sinistra. Una chance importantissima per lui, un’occasione da non perdere per l’Inter che piano piano si sta abituando al turnover reso obbligatorio dai tanti impegni. Il compito di Spalletti è di dare tanti volti ma un solo corpo alla sua creatura. Con l’anima di 11 Borja Valero e magari con i gol anche di Keita.

SPORTEVAI | 07-10-2018 13:16

Keita vuol battere un colpo E Spalletti vuole 11 Borja Fonte: Twitter

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...