,,
Virgilio Sport SPORT

La favola di Alli: dai drammi familiari ai trionfi sul campo

E' uno dei fenomeni del momento, ma nel suo passato tanti dolori e una vita riacciuffata per un pelo

Dele Alli è oggi uno dei talenti inglesi più promettenti. Anzi, dopo quello che ha combinato nella partita di Champions tra il suo Tottenham e il Real Madrid, ormai si può già definire una realtà. Un centrocampista moderno, capace di ricoprire diversi ruoli: corsa, tecnica, visione di gioco, tiro da fuori. A 21 anni si sprecano i complimenti e i paragoni ingombranti: in lui gli addetti ai lavori rivedono un mostro sacro del pallone britannico come Steve Gerrard.

Alli è oggi un campione in erba. Il suo nome completo è Bamidele Jermaine ma da tutti è chiamato semplicemente Dele. Per lui il calcio non è solo il sogno di tanti ragazzi che si avvera, ma un’occasione per riscattare una vita difficile, che sembra la trama di un romanzo.

Dele ha padre nigeriano e madre inglese, conosciutisi per caso in discoteca. Un rapporto occasionale e nove mesi dopo arriva Dele. La coppia non riesce a stare insieme e il padre naturale se ne va a seguire i suoi ricchi affari in America. Nel frattempo la madre ha altre relazioni e mette al mondo altri figli in modo casuale. Ha problemi di alcolismo e le sue attenzioni per Dele sono scarse. Il bambino fa vita di strada e rischia più volte di finire in pessimi giri. I rapporti con la scuola e i coetanei sono burrascosi.

Quando Dele ha otto anni, il padre ricompare e se lo porta con se in Nigeria fino a 13 anni, quando torna in Inghilterra a Milton Keynes. La madre continua però ad essere dipendente dall’alcol e i servizi sociali affidano il ragazzo ad un’altra famiglia. Con la madre naturale i rapporti si sono interrotti probabilmente in modo definitivo.

L’adozione è come se desse una nuova vita a Dele. Si concentra sul calcio e il suo talento inizia a esplodere. Esordisce giovanissimo nella squadra di Milton e ancora minorenne viene acquistato dal Tottenham. Da due anni è titolare degli Spurs, entra stabilmente nel giro delle nazionali inglesi e si candida a essere uno dei protagonisti ai Mondiali 2018. Alli guarda sicuramente avanti, come fa nel suo ruolo di centrocampista a tutto campo e alle spalle ha voluto stampare il suo nome e basta, solo Dele: il cognome gli ricorda un passato scomodo e indesiderato che vuole cancellare definitivamente.

VIRGILIO SPORT | 03-11-2017 16:39

La favola di Alli: dai drammi familiari ai trionfi sul campo Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...