,,
Virgilio Sport SPORT

La Juventus non scappa, anzi cade: il Napoli sgambetta Sarri

Bianconeri battuti 2-1 al San Paolo: Inter e Lazio sono più vicine

La Juventus completa la pessima giornata delle prime della classe perdendo 2-1 sul campo del Napoli e vedendo assottigliarsi il vantaggio sull’Inter e sulla Lazio, ora distanti rispettivamente tre e cinque punti con i biancocelesti che devono recuperare una partita.

I bianconeri non sfruttano quindi i passi falsi delle squadre di Conte e Inzaghi, bloccate sull’1-1 da Cagliari e Roma e subiscono la seconda sconfitta del proprio campionato dopo quella contro la stessa Lazio avvenuta a dicembre. Il Napoli di Gattuso invece risale: seconda vittoria consecutiva dopo quella in Coppa Italia, gli azzurri toccano quota 27 punti.

Nel primo tempo vince la tattica. Il 4-3-3 del Napoli e il modulo a rombo della Juventus, con in campo contemporaneamente Ronaldo, Higuain e Dybala, finiscono infatti per annullarsi anche perché entrambe le squadre hanno pensato più a gestire il possesso del pallone, che ad affondare. Complice la serata poco ispirata delle stelle d’attacco, infatti, la Juventus non è riuscita a trovare spazi tra le strettissime linee della difesa e del centrocampo del Napoli, che ha creato l’unica vera occasione del primo tempo con un colpo di testa di Milik di poco sul fondo.

La ripresa non inizia sotto i migliori auspici per la Juventus, che perde subito per infortunio Miralem Pjanic. Sarri affida le chiavi del centrocampo ad Adrien Rabiot, ma il Napoli inizia qui a prendere sempre più spazio senza trovare un’adeguata risposta in una Juventus che perde invece metri di campo e inizia ad allungarsi pericolosamente.

La partita allora cambia a cavallo del quarto d’ora del secondo tempo: al 16’ Meret blocca un tiro di Higuain, una delle rare sortite offensive della Juventus, mentre meno di due minuti dopo la gara si sblocca per merito di Insigne, la cui azione personale si conclude con un tiro respinto da Szczesny, poi Zielinski brucia Cuadrado e fa esplodere il San Paolo.

La reazione dei campioni d’Italia non c’è nonostante il doppio cambio di Sarri, che punta su Douglas Costa e Bernardeschi per Dybala e Matuidi. Anzi è il Napoli a sigillare l’incontro all’86’ con una prodezza di Insigne, al volo su cross di Callejon. Solo adesso la Juve si scuote, ma la rete di Cristiano Ronaldo al 90’ serve solo al portoghese per la classifica dei marcatori.

Il posticipo del San Paolo ha chiuso il programma della seconda giornata di ritorno, che si era aperto venerdì con la vittoria del Milan sul campo del Brescia grazie a un altro gol di Ante Rebic, il terzo nelle ultime due partite. I rossoneri hanno così conquistato la terza vittoria consecutiva in campionato riavvicinandosi alla zona Europa League, anche se il risultato più clamoroso della giornata è stata la vittoria per 7-0 dell’Atalanta sul campo del Torino. I bergamaschi si sono riavvicinati alla zona Champions, occupata però ancora dalle romane oltre che da Inter e Juventus.

SPORTAL.IT | 26-01-2020 22:43

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...