Virgilio Sport

La Juventus si rialza, Sarri se la prende con i giornalisti

Dopo la vittoria di Bologna l'allenatore dei bianconeri minimizza il momento difficile attraversato in Coppa Italia.

23-06-2020 00:52

La Juventus si rialza, Sarri se la prende con i giornalisti Fonte: 123RF

La Coppa Italia è alle spalle. La marcia in campionato è ripresa spedita. Questo almeno è il messaggio che la Juventus ha lanciato a Lazio e Inter, rivali nella corsa allo scudetto.

Al “Dall’Ara” di Bologna i bianconeri si sono imposti per 2-0 al termine di una partita di fatto dominata dall’inizio alla fine e che ha visto tornare in gol le stelle Ronaldo e Dybala. Tutto bene, quindi, per Maurizio Sarri, eccetto l’emergenza sempre più preoccupante in difesa in particolare sugli esterni: con Alex Sandro infortunato, anche De Sciglio si è fermato per un problema muscolare e Danilo si è fatto espellere rimediando due ammonizioni in venti minuti.

La prestazione comunque c’è stata e tanto basta a Sarri per scagliarsi contro i giornalisti nell’intervista di fine partita rilasciata a ‘Sky Sport’: “Nella vita ci sono fatti e opinioni giornalisti esprimono opinioni. Dopo due 0-0 ho sentito critiche eccessive. Sembrava che la squadra fosse in disfacimento e invece è prima in classifica. Abbiamo fatto due pareggi in un momento particolare della stagione. C’è stato un confronto, ma alla fine è stata una molla per ritrovare più velocemente la condizione mentale per poi ritrovare la forma fisica” ha detto Sarri confermando quanto dichiarato da Bonucci e già anticipato dallo stesso allenatore alla vigilia della partita, ovvero il “vertice” che ha coinvolto Sarri e alcuni senatori per chiarire delle criticità emerse dopo le partite di Coppa Italia.

Eppure l’ex allenatore di Napoli e Chelsea non ha gradito il finale sofferto: “Ci siamo abbassati non per scelta, ma quando finisce la benzina diventa inevitabile”.

Con Ronaldo in crescita, ma non ancora al top, gli elogi sono per altri: “Ronaldo deve arrivare a novanta minuti. Sono contento per Bernardeschi, se lo merita, è un giocatore sottovalutato e ipercriticato. De Ligt è sempre più sicuro, è un predestinato, diventerà un difensore di riferimento a livello europeo”.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...