Virgilio Sport

La MotoGp slitta di nuovo: rinviato un altro Gran Premio

Nuovo rinvio del Mondiale di MotoGp, che partirà solamente ad aprile inoltrato.

10-03-2020 16:30

La MotoGp slitta di nuovo: rinviato un altro Gran Premio Fonte: ANSA

La partenza del Mondiale di MotoGp slitta nuovamente. Il Gran Premio delle Americhe, originariamente in programma in Texas nei primi giorni di aprile, è stato rinviato al 15 novembre a causa dell’emergenza Coronavirus.

Dopo la cancellazione della gara in Qatar (per quanto riguarda la MotoGp) e il rinvio a ottobre di quella in Thailandia, salta così anche il terzo appuntamento del Motomondiale: lo hanno annunciato  in un comunicato stampa congiunto la Federazione motociclistica internazionale, l’associazione dei team Irta e l’organizzazione del campionato, Dorna.

Questo il calendario aggiornato della MotoGp, si parte (per ora) il 19 aprile in Argentina.

19 aprile – Argentina – Termas de Rio Hondo
3 maggio – Spagna – Jerez
17 maggio – Francia – Le Mans
31 Maggio – Italia – Autodromo del Mugello
7 giugno – Catalogna – Barcellona
21 giugno – Germania – Sachsenring
28 giugno – Olanda – TT Circuit Assen
12 luglio – Finlandia – KymiRing
9 agosto – Repubblica Ceca – Automotodrom Brno
16 agosto – Austria – Red Bull Ring-Spielberg
30 agosto – Gran Bretagna – Silverstone
13 settembre – San Marino e Riviera di Rimini – Misano World Circuit Marco Simoncelli
27 settembre – Aragona – MotorLand Aragón
4 ottobre – Thailandia – Chang International Circuit
18 ottobre – Giappone – Twin Ring Motegi
25 ottobre – Australia – Phillip Island
1° novembre – Malesia – Sepang International Circuit
15 novembre – Americhe – Circuit of the Americas
22 novembre – Valencia – Comunitat Valenciana-Ricardo Tormo

In caso di ulteriori rinvii o cancellazioni, il presidente della Fim Viegas a Catalunya Radio ha avanzato queste ipotesi: “In questo momento ho totale fiducia che il campionato avrà più di 13 gare. Se dovremo correre a gennaio, lo faremo. Possiamo disputare due Gran Premi nello stesso fine settimana o correre a porte chiuse. Ovviamente se non ci fossero altre soluzioni. Nella situazione attuale non ci sono tabù. Devi essere flessibile ed avere immaginazione. Portimao è un circuito di riserva, proprio come Estoril. E in Portogallo non ci sono restrizioni”.

SPORTAL.IT

Leggi anche:

Caricamento contenuti...