,,
Virgilio Sport SPORT

La partita di Fabbri al microscopio: ecco dove ha sbagliato

Juve-Milan alla moviola: quotidiani sportivi ed ex arbitri stroncano il fischietto di Ravenna

Non era una partita facile Juventus-Milan per l’arbitro Fabbri di Ravenna e le decisioni prese durante la gara lo hanno fatto finire sulla graticola. Da ieri sera non si parla che di lui e delle sue decisioni nei talk show sportivi e sulle prime pagine dei quotidiani specializzati. Quasi tutti i giudizi sono impietosi nei suoi confronti. Ma analizziamo Juve-Milan nel dettaglio, confrontando le varie moviole.

Gli episodi incriminati – Al 35′ Alex Sandro tocca col braccio su cross di Calhanoglu: il braccio è largo, il rigore sembra netto ma Fabbri dice di no e resta sulla sua decisione anche quando va  a rivedere l’azione. Perché? Nella ripresa al 14′ rigore per la Juve: netto, in questo caso, l’intervento in ritardo di Musacchio su Dybala, decisione giusta. Al 34′ proteste rossonere: Mandzukic strattona leggermente Mandzukic che rovina a terra in area, il peccato veniale del croato c’è ma non tanto grave per l’arbitro per decretare il penalty. Infine, al 42′, Mandzukic già ammonito scalcia da terra Romagnoli in area: perché nessuno dal Var ha richiamato l’attenzione di Fabbri?

La Gazzetta – Anche la ‘Rosea’ stronca impietosamente l’arbitraggio di Fabbri. Ecco il giudizio sul tocco di braccio di Alex Sandro: “Vero che l’esterno brasiliano prova, tardivamente, ad evitare il contatto con il pallone, ma il braccio è ancora troppo largo – certamente non congruo – al momento dell’impatto con la sfera. Una valutazione che deve aver fatto dalla var room anche Calvarese. Fabbri guarda e riguarda l’azione e alla fine conferma la valutazione fatta sul campo. Errore blu”. Per la Gazzetta ci sarebbe un secondo giallo di Musacchio al 29′ del secondo tempo per una trattenuta su Mandzukic, mentre Castillejo e Mandzukic al 34′ si trattengono reciprocamente. Quanto al calcio di Mandzukic nel finale “è un potenziale grave episodio non visto, un fallo da rigore e un intervento da rosso diretto: non l’ha visto nemmeno il Var?”.

Il Corriere – Per il Corriere dello Sport “dopo il mancato rigore non concesso al Milan (il suo errore è davvero è chiaro ed evidente), Fabbri va completamente in tilt”. Lunga la sequela di errori del fischietto romagnolo. Mancano i ‘secondi gialli’ per Musacchio e Mandzukic, che rischia anche un altro rigore. Nessun dubbio sul rigore negato al Milan al 35′, mentre l’unica decisione giusta di Fabbri è quella sul contatto Musacchio-Dybala in area. Per il resto, “bocciatura completa”.

L’ex arbitro – Per Luca Marelli, che ha commentato la partita su TeleLombardia, quello di Fabbri è stato un “mezzo disastro. Non c’è niente di più da dire, tutta la gestione della gara non va. lex Sandro? La scelta è dell’arbitro è in questo caso non riesco a trovare un motivo per cui non concedere il calcio di rigore. Senza immagini questo rigore un tempo non si dava per la velocità, ma oggi con le immagini così chiare quello è assolutamente rigore”.

SPORTEVAI | 07-04-2019 10:43

La partita di Fabbri al microscopio: ecco dove ha sbagliato Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...