,,
Virgilio Sport SPORT

La Roma fa sul serio per Higuain

Il neodirettore sportivo Petrachi chiama il Pipita: "Potrebbe emulare Batistuta".

Appena il tempo di insediarsi nel ruolo tanto agognato, quello di direttore sportivo della Roma, che lo ha convinto ad andare allo strappo con il Torino, società per la quale ha lavorato per dieci anni, e Gianluca Petrachi sembra aver preso subito in mano il mercato dei giallorossi. Personalità, poca retorica e tanta sincerità nella presentazione del dirigente salentino, che ha parlato proprio di tutto. Dalle possibili cessioni ulteriori dopo quella di Manolas, ovvero quelle di Dzeko e El Shaarawy, al nome più appariscente tra quelli accostati ai capitolini, ovvero Gonzalo Higuain.

Petrachi non si è nascosto cercando apertamente di convincere il Pipita ad accettare il trasferimento alla Roma, dove sostituirebbe proprio Dzeko: "Chi lo discute è un pazzo. Ora può avere perso un po' di autostima, ma sicuramente potrebbe far comodo qualora Dzeko andasse via. Comunque le motivazioni contano moltissimo, se si aprisse qualcosa con la Juve, deve essere lui a crederci. Io credo che per ritrovare il vero Higuain non ci sarebbe niente di meglio della Roma, potrebbe seguire le orme di Batistuta, che qui ha lasciato un segno indelebile. Oggi però voglio pensare a Dzeko, che si renderà conto che l'aria sta cambiando, ma se vuole andare via l'Inter ce lo deve pagare bene. Dobbiamo andare sul mercato con un po' di soldi in tasca". 

Parole chiare anche su Nicolò Barella, che non approderà alla Roma: "Il procuratore ha parlato tante volte con la società, era contento di venire alla Roma. Poi so che nell'intermezzo del passaggio di consegne si è perso per strada un po' di tempo. Inevitabile. Si è inserita l'Inter, il giocatore è stato chiamato da Conte, molto bravo a motivare i calciatori. Ci sta che voglia giocare la Champions e non ritenere la Roma all'altezza dell'Inter. Se mi chiama e ci ripensa a quel punto se ne potrà parlare”.

Infine una battuta sul no alla Roma di Antonio Conte, vecchio amico di Petrachi: "Antonio lo conosco dal 1981. Vuole vincere immediatamente, per lui arrivare secondo è una sconfitta. Ha visto che l'Inter ha qualcosa in più come organico e in prospettiva. Gli ho detto che vincere qui avrebbe più senso che vincere 5 scudetti con Juve e Inter, ma ha fatto un'altra scelta. Mi è dispiaciuto, ma penso che Fonseca può essere una grandissima sorpresa, il gap tecnico con l'Inter di Conte lo può colmare lui”.
 

SPORTAL.IT | 04-07-2019 19:22

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...