Virgilio Sport

Lerner, dure accuse alla Juve: questo è razzismo

Tweet velenosissimo del giornalista sulla questione biglietti

08-08-2019 13:20

Lerner, dure accuse alla Juve: questo è razzismo Fonte: 123RF

Una delle crociate dei tifosi di curva contro il calcio moderno è sicuramente quella sulle trasferte vietate o comunque limitate dalla tessera del tifoso. Oramai è d’uopo attendere le decisioni dell’Osservatorio del Viminale prima di capire se si potrà o meno acquistare un tagliando, ma nonostante questo ha alzato un vespaio enorme la decisione presa dalla Juventus in occasione dell’esordio casalingo contro il Napoli, ovvero quella di vietare la vendita dei biglietti non solo a chi risiede in Campania ma anche a chi ci è semplicemente nato.

Parole dure – In tanti hanno criticato questa scelta (se ne è occupata a fondo Repubblica, il noto quotidiano), soprattutto da Napoli, ma anche molti giornalisti si sono indignati. Fra loro c’è Gad Lerner, che con un tweet sul suo profilo personale ha lanciato durissime accuse: “Stadio vietato a chi è nato in Campania? Forse la ⁦Juventus non se n’è accorta e ha applicato male un consiglio della Questura di Torino ma questo annuncio denunciato oggi da Repubblica è un gravissimo precedente di razzismo pratico applicato”. Dalla Juventus non ci sono ancora state reazioni ufficiali alle critiche ricevute ma il clima di un match infuocato già di suoi rischia di diventare ancora più pesante.

Questione Sarri – C’è chi ha provato anche a scherzarci su, facendo notare che secondo queste regole Maurizio Sarri (al centro di una polemica con Dybala), essendo nato a Napoli, non potrebbe assistere a questa partita da spettatore. E a chi fa notare che spesso ci sono restrizioni legate alla residenza delle persone in tanti rispondono che è la prima volta in cui si arriva addirittura a giudicare il luogo di nascita.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...