,,
Virgilio Sport SPORT

L'Inter cede Eder e Joao Mario: giorno chiave per Pastore

Corsa contro il tempo per un'acquisto di spessore in attacco: Pastore dà l'ok ma è dura

Ultimi giorni di mercato intensi per l’Inter, che sta cambiando pelle nel reparto offensivo. I nerazzurri stanno per cedere due elementi, Joao Mario ed Eder: per il trasferimento del portoghese al West Ham è tutto fatto. Il centrocampista portoghese, che a Milano ha deluso, vola a Londra con la formula del prestito oneroso (oltre un milione di euro), con diritto di riscatto vicino ai 35 milioni di euro.

Via anche l’italo-brasiliano: il Biscione avrebbe rifiutato una prima proposta del Crystal Palace, ma ha tenuto la porta aperta e aspetta una contro offerta. Sul giocatore c’è anche lo Zenit San Pietroburgo.

Luciano Spalletti adesso aspetta trepidamente i rinforzi: in entrata c’è da registrare l’ok di Javier Pastore ai nerazzurri. Il trequartista argentino ha mandato il suo agente Simonian a trattare con la  Beneamata, giovedì sarà un giorno chiave. Restano gli scogli dell’ingaggio e del Psg, contrario a una cessione in prestito con diritto di riscatto: i parigini vogliono cedere il giocatore solo a titolo definitivo, e per una somma non inferiore ai 20 milioni di euro. Un punto d’incontro si potrebbe trovare nel prestito oneroso con diritto di riscatto.

L’altro nome possibile in entrata è quello di Daniel Sturridge. Il Liverpool potrebbe essere convinto sulla base di un prestito oneroso di 1/1,5 milioni, e diritto di riscatto fissato a 20 milioni. Ma il tempo stringe.

Spalletti nei giorni scorsi non le ha mandate a dire a Suning in ottica mercato: “Rafinha? Non si può chiedere a qualcuno che non gioca da un anno e mezzo di metterci a posto le cose. Siamo noi che dovremo aiutare lui, non viceversa. Rafinha ha giocato 5-6 partite nell’ultimo anno. Il ritmo-gara è un’altra cosa. La squadra comunque grosso modo è questa, e le cose ce le metteremo a posto noi. Chi non è da Inter lo metto fuori e non gioca più”.

“Io non mi sono mai lamentato con questa società e avrei anche qualche possibilità di farlo. All’inizio siamo partiti con delle potenzialità che poi in seguito si sono ridotte perché abbiamo dovuto smettere di fare mercato. L’obbligo di restare nell’ambito di una correttezza di operatività ci ha portato a questo punto… La difesa andava coperta numericamente, nel mezzo ci vorrebbe invece qualcuno che abbia il livello di calcio adatto a lottare per dei primati importanti”.

 

SPORTAL.IT | 25-01-2018 08:20

L'Inter cede Eder e Joao Mario: giorno chiave per Pastore Inter-Roma 1-1 Fonte: 123RF

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...