Marchisio lascia, storia del Principino e della Vecchia Signora

By Virgilio Sport

Pubblicato il 02 ottobre 2019

Immagine Ansa

Claudio una vita da Juve

Marchisio ha giocato sin da piccolo nelle giovanili della Juventus facendo tutta la trafila diventando anche capitano della primavera

Immagine Ansa

L’esordio in serie B

Nell'anno post calciopoli 2006/2007 la Juve retrocessa in serie B lancia in prima squadra i vari De Ceglie, Giovinco e soprattutto Marchisio

Immagine Ansa

Un anno all’Empoli

Per farsi le ossa in serie A la Juve sceglie di darlo in prestito all'Empoli dove è spesso titolare, con Giovinco, e affronta, unica volta nella sua vita, la Juve da avversario contro Del Piero

Immagine Ansa

Il primo gol in A con la Juve

24 ottobre 2009: rientrato alla base, su assist geniale di Del Piero, Marchisio batte Frey e segna contro la Fiorentina il suo primo gol in serie A ovviamente con la maglia della Juve

Immagine Ansa

La prima gioia scudetto

2 ottobre 2011: l'arrivo di Conte in panchina rilancia la Juventus: Marchisio è uno dei protagonisti di quel primo scudetto, segnando nel finale di gara la doppietta nello scontro diretto d'andata col Milan che consacra una Juve da scudetto

Immagine Ansa

Tanti scudetti con la Juve

Con la maglia della Juve il Principino ha vinto ha vinto sette campionati di Serie A consecutivi (dal 2011-12 al 2017-18), uno di Serie B (2006-07), tre Supercoppe italiane (2012, 2013 e 2015) e quattro Coppe Italia consecutive (dal 2014-15 al 2017-18).

Immagine Ansa

Gloria in azzurro

Marchisio sarà anche protagonista con l'Italia. Ad Euro 2012 con gli azzurri di Prandelli arriva in finale ma perde dalla Spagna. Qui l'abbraccio con Balotelli dopo il gol alla Germania

Immagine Ansa

Gioia mondiale effimera

Nel 2014 in Brasile è lui a segnare il primo gol dell'Italia nella vittoria contro l'Inghilterra ma poi quella spedizione targata Prandelli fu amara, fuori ai gironi

Immagine Ansa

Berlino, dolore…finale

Dopo una grande cavalcata nel cuore del centrocampo bianconero, Marchisio gioca da titolare la finale di Champions del 2015 persa dalla Juve col Barcellona

Immagine Ansa

Il crack che ha cambiato la carriera

Il 17 aprile 2016 in piena clima di festa allo Stadium per la festa dell'ennesimo scudetto, Marchisio si rompe il ginocchio mettendo male il piede

Immagine Ansa

Un dolore incredibile

Un infortunio che gli costa caro, gli Europei del 2016 con l'Italia di Conte ma che peserà sul resto della sua carriera

Immagine Ansa

Il ritorno con orgoglio

Novembre 2017 - Eppure il Principino torna, con grande sacrificio, e segna, un gol decisivo su rigore nella vittoria in rimonta della Juve a Siviglia nei gironi Champions

Immagine Ansa

Verso una finale ancora amara

Marchisio torna protagonista nella doppia semifinale di Champions col Monaco, giocherà invece solo un quarto d'ora nella ancora sfortunata finale di Cardiff persa col Real

Immagine Ansa

L’addio alla Juve

Dopo una stagione 2017/2018 sottotono e piena di infortuni Marchisio lascia la Juventus, un po' a sorpresa, all'indomani l'aver alzato Scudetto e Coppa Italia nel vernissage di inizio stagione a Villar Perosa

Immagine Ansa

Ultimo ciak In Russia

Il 3 settembre 2018 si trasferisce da svincolato allo Zenit S. Pietroburgo, in Russia dove vince il campionato ma si infortuna ancora una volta al ginocchio

Immagine Ansa

Il saluto allo Stadium

Il 22 dicembre 2018 prima di Juve-Roma, Claudio saluta il suo stadio, i suoi tifosi prima di tuffarsi appieno nella sua nuova avventura

Immagine Ansa

Sposato con la bella Roberta

Nato e cresciuto a Torino, si è sposato con Roberta l'8 giugno 2008; la coppia ha due figli, Leonardo e Davide, nati rispettivamente nel 2009 e nel 2012.

Immagine Ansa

Sempre elegante

Non solo bravo ma bello, Marchisio ama vestire bene come testimoniano tante foto da modello sui social, spesso testimonial di sponsor del mondo della moda

Immagine Ansa

Speciale Hallo…win

Qui in un simpatico morfing fatto dal sito della Juve per festeggiare Halloween

Immagine Ansa

Nero su bianco

Marchisio ha scritto anche un libro, nel 2016 dal titolo Nero su bianco

Immagine Ansa

Il ricordo di Astori

Giocatore molto sensibile, ha voluto ricordare così la morte del povero Astori

Immagine Ansa